I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I batteri intestinali e la protezione dal diabete

I batteri intestinali potrebbero rappresentare un’arma contro il diabete di tipo 2.

Pubblicato il 08/05/2017 da Prevenzione a tavola

I batteri intestinali potrebbero rappresentare un’arma contro il diabete di tipo 2. Sono, infatti, in grado di produrre l’acido indolepropionico, un metabolita che, se presente in alte concentrazioni, sarebbe capace di prevenire lo sviluppo della malattia. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports da un gruppo di ricerca finlandese-svedese, coordinato da Matti Uusitupa dell’University of Eastern Finland di Kuopio (Finlandia). Secondo gli scienziati, la scoperta potrebbe fornire ulteriori indizi sul ruolo dei batteri intestinali nell’interazione tra dieta, metabolismo e salute.

Leggi anche: Diabete malattia metropolitana: situazione preoccupante a Roma

Durante lo studio, gli esperti hanno esaminato lo stato di salute di 200 adulti che avevano preso parte all’indagine “Finnish Diabetes Prevention Study”. All’inizio della ricerca, tutti i volontari erano in sovrappeso e presentavano una ridotta tolleranza al glucosio. Nei 15 anni successivi, 96 hanno sviluppato il diabete di tipo 2, mentre gli altri 104 non sono stati colpiti dalla malattia.

I ricercatori hanno analizzato i metaboliti prodotti dai batteri intestinali di ogni partecipante, per determinarne il profilo metabolico - ossia per verificare la concentrazione dei diversi metaboliti presenti all’interno dell’intestino. Al termine dell’esame, hanno scoperto che la principale differenza tra chi aveva sviluppato il diabete di tipo 2 e chi non presentava la patologia, consisteva nei livelli di acido indolepropionico e di alcuni metaboliti lipidici.

Secondo gli esperti, un'alta concentrazione di acido indolepropionico sarebbe associata a una protezione contro il diabete di tipo 2: un’elevata presenza del metabolita, infatti, sarebbe capace di promuovere la secrezione dell’insulina da parte delle cellule beta-pancreatiche. Gli autori hanno osservato che la presenza di questa sostanza può dipendere dalla dieta. Un regime alimentare ricco di cereali integrali e di fibre alimentari sarebbe, infatti, in grado di aumentare la produzione di acido indolepropionico da parte dei batteri intestinali. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore