I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I batteri intestinali e la protezione dal diabete

I batteri intestinali potrebbero rappresentare un’arma contro il diabete di tipo 2.

Pubblicato il 08/05/2017 da Prevenzione a tavola

I batteri intestinali potrebbero rappresentare un’arma contro il diabete di tipo 2. Sono, infatti, in grado di produrre l’acido indolepropionico, un metabolita che, se presente in alte concentrazioni, sarebbe capace di prevenire lo sviluppo della malattia. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports da un gruppo di ricerca finlandese-svedese, coordinato da Matti Uusitupa dell’University of Eastern Finland di Kuopio (Finlandia). Secondo gli scienziati, la scoperta potrebbe fornire ulteriori indizi sul ruolo dei batteri intestinali nell’interazione tra dieta, metabolismo e salute.

Leggi anche: Diabete malattia metropolitana: situazione preoccupante a Roma

Durante lo studio, gli esperti hanno esaminato lo stato di salute di 200 adulti che avevano preso parte all’indagine “Finnish Diabetes Prevention Study”. All’inizio della ricerca, tutti i volontari erano in sovrappeso e presentavano una ridotta tolleranza al glucosio. Nei 15 anni successivi, 96 hanno sviluppato il diabete di tipo 2, mentre gli altri 104 non sono stati colpiti dalla malattia.

I ricercatori hanno analizzato i metaboliti prodotti dai batteri intestinali di ogni partecipante, per determinarne il profilo metabolico - ossia per verificare la concentrazione dei diversi metaboliti presenti all’interno dell’intestino. Al termine dell’esame, hanno scoperto che la principale differenza tra chi aveva sviluppato il diabete di tipo 2 e chi non presentava la patologia, consisteva nei livelli di acido indolepropionico e di alcuni metaboliti lipidici.

Secondo gli esperti, un'alta concentrazione di acido indolepropionico sarebbe associata a una protezione contro il diabete di tipo 2: un’elevata presenza del metabolita, infatti, sarebbe capace di promuovere la secrezione dell’insulina da parte delle cellule beta-pancreatiche. Gli autori hanno osservato che la presenza di questa sostanza può dipendere dalla dieta. Un regime alimentare ricco di cereali integrali e di fibre alimentari sarebbe, infatti, in grado di aumentare la produzione di acido indolepropionico da parte dei batteri intestinali. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute