I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I batteri intestinali e la protezione dal diabete

I batteri intestinali potrebbero rappresentare un’arma contro il diabete di tipo 2.

Pubblicato il 08/05/2017 da Prevenzione a tavola

I batteri intestinali potrebbero rappresentare un’arma contro il diabete di tipo 2. Sono, infatti, in grado di produrre l’acido indolepropionico, un metabolita che, se presente in alte concentrazioni, sarebbe capace di prevenire lo sviluppo della malattia. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports da un gruppo di ricerca finlandese-svedese, coordinato da Matti Uusitupa dell’University of Eastern Finland di Kuopio (Finlandia). Secondo gli scienziati, la scoperta potrebbe fornire ulteriori indizi sul ruolo dei batteri intestinali nell’interazione tra dieta, metabolismo e salute.

Leggi anche: Diabete malattia metropolitana: situazione preoccupante a Roma

Durante lo studio, gli esperti hanno esaminato lo stato di salute di 200 adulti che avevano preso parte all’indagine “Finnish Diabetes Prevention Study”. All’inizio della ricerca, tutti i volontari erano in sovrappeso e presentavano una ridotta tolleranza al glucosio. Nei 15 anni successivi, 96 hanno sviluppato il diabete di tipo 2, mentre gli altri 104 non sono stati colpiti dalla malattia.

I ricercatori hanno analizzato i metaboliti prodotti dai batteri intestinali di ogni partecipante, per determinarne il profilo metabolico - ossia per verificare la concentrazione dei diversi metaboliti presenti all’interno dell’intestino. Al termine dell’esame, hanno scoperto che la principale differenza tra chi aveva sviluppato il diabete di tipo 2 e chi non presentava la patologia, consisteva nei livelli di acido indolepropionico e di alcuni metaboliti lipidici.

Secondo gli esperti, un'alta concentrazione di acido indolepropionico sarebbe associata a una protezione contro il diabete di tipo 2: un’elevata presenza del metabolita, infatti, sarebbe capace di promuovere la secrezione dell’insulina da parte delle cellule beta-pancreatiche. Gli autori hanno osservato che la presenza di questa sostanza può dipendere dalla dieta. Un regime alimentare ricco di cereali integrali e di fibre alimentari sarebbe, infatti, in grado di aumentare la produzione di acido indolepropionico da parte dei batteri intestinali. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande