I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cervello, un “pacemaker” per recuperare i ricordi

È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology

Pubblicato il 05/05/2017 da Pippo

Applicare un "pacemaker" al cervello potrebbe ripristinare la capacità di memorizzare le informazioni. La somministrazione di impulsi elettrici al cervello sarebbe, infatti, in grado di migliorare le prestazioni mnemoniche.

Leggi anche: Il potere della risata, aiuta anche a guarire la mente e il corpo

È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania di Philadelphia (Usa), secondo cui la stimolazione cerebrale sarebbe efficace solo nei momenti in cui la capacità di creare ricordi risulta in difficoltà, mentre potrebbe essere controproducente quando questa facoltà funziona correttamente.

Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno individuato i segnali neuronali corrispondenti ai momenti in cui la funzione mnemonica risultava efficace e a quelli in cui incontrava degli errori. Successivamente, hanno testato la scoperta su un gruppo di pazienti neurochirurgici, che ricevevano un trattamento per l'epilessia presso diversi ospedali statunitensi. I volontari sono stati invitati a memorizzare e a richiamare alla mente un elenco di parole comuni, mentre ricevevano livelli sicuri di stimolazione cerebrale. Durante questo processo, i ricercatori hanno registrato l'attività elettrica dei soggetti, utilizzando gli elettrodi che vengono impiantati nel cervello dei pazienti durante la terapia anti-epilettica.

Al termine dell’esperimento, sono riusciti a identificare i biomarcatori che indicano quando la funzione mnemonica ha successo, ossia quando il cervello crea effettivamente nuovi ricordi. "Abbiamo scoperto che, quando la stimolazione elettrica arriva durante i periodi in cui la memoria è efficace, la facoltà di memorizzazione peggiora – spiega Michael J. Kahana, che ha coordinato lo studio -. Ma quando la stimolazione elettrica arriva nei momenti in cui questa funzione vacilla, la capacità di creare ricordi risulta notevolmente più elevata”. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il cibo influenza subito la qualità del seme maschile

Troppi zuccheri peggiorano la qualità dello sperma, dieta sana la migliora. Ecco cosa mangiare

Il peperoncino allunga la vita: dimezza rischio di morte per ictus e infarto

Una buona notizia per gli amante del piccante, specie per chi lo usa 4 volte alla settimana

Colesterolo alto: cosa mangiare a Natale?

Ecco i cibi consigliati e quelli da evitare da mangiare durante le feste per chi soffre di colesterolo alto

Esagerare a cena mette in pericolo il cuore

Il cuore delle donne corre il rischio maggiore

Proteggi il tuo cuore con pasta integrale, peperoncino, caffè e cioccolato fondente

Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro

Corsi - Prevenzione a tavola

DOLCI, online il nostro nuovo corso di cucina

Dolci squisiti senza zucchero ma con dolcificanti naturali più sani, senza farine raffinate e senza latte

L’aspartame è pericoloso per la salute?

Ecco cosa dicono alcuni studi recenti e come sono regolamentati in Europa gli additivi alimentari

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Corsi - Prevenzione a tavola

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"

Dott. Berrino: “Come contrastare l’obesità infantile”

I nostri bambini assumono troppi zuccheri e troppe proteine. La colpa? L'esempio sbagliato dei genitori

Sbucciare una melagrana in meno di un minuto

Vale la pena imparare a sbucciare questo frutto perché si tratta davvero di un concentrato di proprietà benefiche per il nostro organismo

Contengono più calorie le castagne arrostite, bollite o secche?

Il metodo di cottura influisce molto sul contenuto calorico delle castagne

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo