I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cervello, un “pacemaker” per recuperare i ricordi

È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology

Pubblicato il 05/05/2017 da Pippo

Applicare un "pacemaker" al cervello potrebbe ripristinare la capacità di memorizzare le informazioni. La somministrazione di impulsi elettrici al cervello sarebbe, infatti, in grado di migliorare le prestazioni mnemoniche.

Leggi anche: Il potere della risata, aiuta anche a guarire la mente e il corpo

È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania di Philadelphia (Usa), secondo cui la stimolazione cerebrale sarebbe efficace solo nei momenti in cui la capacità di creare ricordi risulta in difficoltà, mentre potrebbe essere controproducente quando questa facoltà funziona correttamente.

Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno individuato i segnali neuronali corrispondenti ai momenti in cui la funzione mnemonica risultava efficace e a quelli in cui incontrava degli errori. Successivamente, hanno testato la scoperta su un gruppo di pazienti neurochirurgici, che ricevevano un trattamento per l'epilessia presso diversi ospedali statunitensi. I volontari sono stati invitati a memorizzare e a richiamare alla mente un elenco di parole comuni, mentre ricevevano livelli sicuri di stimolazione cerebrale. Durante questo processo, i ricercatori hanno registrato l'attività elettrica dei soggetti, utilizzando gli elettrodi che vengono impiantati nel cervello dei pazienti durante la terapia anti-epilettica.

Al termine dell’esperimento, sono riusciti a identificare i biomarcatori che indicano quando la funzione mnemonica ha successo, ossia quando il cervello crea effettivamente nuovi ricordi. "Abbiamo scoperto che, quando la stimolazione elettrica arriva durante i periodi in cui la memoria è efficace, la facoltà di memorizzazione peggiora – spiega Michael J. Kahana, che ha coordinato lo studio -. Ma quando la stimolazione elettrica arriva nei momenti in cui questa funzione vacilla, la capacità di creare ricordi risulta notevolmente più elevata”. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore