I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aspirina, a basse dosi è un’arma contro il tumore al seno?

Pubblicato il 05/05/2017 da Pippo

L'assunzione di basse dosi di aspirina potrebbe aiutare a prevenire la forma più diffusa di tumore al seno. A suggerirlo sono i dati pubblicati su Breast Cancer Research da un gruppo di ricercatori guidato dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Popolazione del Beckman Research Institute of City of Hope, istituto di ricerca di Monrovia, negli Stati Uniti.

Leggi anche: Il 40% dei tumori è prevenibile, le 9 regole da seguire

Gli autori dello studio hanno analizzato le informazioni relative a oltre 57 mila donne scoprendo che in generale il rischio di tumore al seno può essere ridotto del 16% se l'aspirina a basse dosi viene assunta almeno 3 volte alla settimana. Più in particolare, nel caso della forma più diffusa di questo tumore – quella positiva al recettore per gli estrogeni o per il progesterone e negativa al fattore di crescita HER2 – è stata stimata una riduzione del rischio pari al 20%. Viceversa, l'assunzione di altri antidolorifici (come l'ibuprofene e il paracetamolo) non è stata associata a un effetto protettivo significativo.

Probabilmente a rendere l'aspirina differente è la sua capacità di inibire l'azione dell'enzima aromatasi, coinvolto nella sintesi degli estrogeni, ma non solo. “L'aspirina riduce anche l'infiammazione – spiega Leslie Bernstein, responsabile dello studio – un altro possibile meccanismo attraverso cui la sua assunzione regolare può ridurre il rischio di sviluppo o ricomparsa del tumore al seno”.

Gli effetti protettivi sarebbero associati all'uso di basse dosi di aspirina almeno 3 volte a settimana, mentre dosaggi più elevati, sia se assunti di tanto in tanto contro il mal di testa o altre forme di dolore sia se assunti quotidianamente per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, non sembrano essere associati agli stessi benefici. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?