I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aspirina, a basse dosi è un’arma contro il tumore al seno?

Pubblicato il 05/05/2017 da Pippo

L'assunzione di basse dosi di aspirina potrebbe aiutare a prevenire la forma più diffusa di tumore al seno. A suggerirlo sono i dati pubblicati su Breast Cancer Research da un gruppo di ricercatori guidato dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Popolazione del Beckman Research Institute of City of Hope, istituto di ricerca di Monrovia, negli Stati Uniti.

Leggi anche: Il 40% dei tumori è prevenibile, le 9 regole da seguire

Gli autori dello studio hanno analizzato le informazioni relative a oltre 57 mila donne scoprendo che in generale il rischio di tumore al seno può essere ridotto del 16% se l'aspirina a basse dosi viene assunta almeno 3 volte alla settimana. Più in particolare, nel caso della forma più diffusa di questo tumore – quella positiva al recettore per gli estrogeni o per il progesterone e negativa al fattore di crescita HER2 – è stata stimata una riduzione del rischio pari al 20%. Viceversa, l'assunzione di altri antidolorifici (come l'ibuprofene e il paracetamolo) non è stata associata a un effetto protettivo significativo.

Probabilmente a rendere l'aspirina differente è la sua capacità di inibire l'azione dell'enzima aromatasi, coinvolto nella sintesi degli estrogeni, ma non solo. “L'aspirina riduce anche l'infiammazione – spiega Leslie Bernstein, responsabile dello studio – un altro possibile meccanismo attraverso cui la sua assunzione regolare può ridurre il rischio di sviluppo o ricomparsa del tumore al seno”.

Gli effetti protettivi sarebbero associati all'uso di basse dosi di aspirina almeno 3 volte a settimana, mentre dosaggi più elevati, sia se assunti di tanto in tanto contro il mal di testa o altre forme di dolore sia se assunti quotidianamente per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, non sembrano essere associati agli stessi benefici. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'