I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aspirina, a basse dosi è un’arma contro il tumore al seno?

Pubblicato il 05/05/2017 da Pippo

L'assunzione di basse dosi di aspirina potrebbe aiutare a prevenire la forma più diffusa di tumore al seno. A suggerirlo sono i dati pubblicati su Breast Cancer Research da un gruppo di ricercatori guidato dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Popolazione del Beckman Research Institute of City of Hope, istituto di ricerca di Monrovia, negli Stati Uniti.

Leggi anche: Il 40% dei tumori è prevenibile, le 9 regole da seguire

Gli autori dello studio hanno analizzato le informazioni relative a oltre 57 mila donne scoprendo che in generale il rischio di tumore al seno può essere ridotto del 16% se l'aspirina a basse dosi viene assunta almeno 3 volte alla settimana. Più in particolare, nel caso della forma più diffusa di questo tumore – quella positiva al recettore per gli estrogeni o per il progesterone e negativa al fattore di crescita HER2 – è stata stimata una riduzione del rischio pari al 20%. Viceversa, l'assunzione di altri antidolorifici (come l'ibuprofene e il paracetamolo) non è stata associata a un effetto protettivo significativo.

Probabilmente a rendere l'aspirina differente è la sua capacità di inibire l'azione dell'enzima aromatasi, coinvolto nella sintesi degli estrogeni, ma non solo. “L'aspirina riduce anche l'infiammazione – spiega Leslie Bernstein, responsabile dello studio – un altro possibile meccanismo attraverso cui la sua assunzione regolare può ridurre il rischio di sviluppo o ricomparsa del tumore al seno”.

Gli effetti protettivi sarebbero associati all'uso di basse dosi di aspirina almeno 3 volte a settimana, mentre dosaggi più elevati, sia se assunti di tanto in tanto contro il mal di testa o altre forme di dolore sia se assunti quotidianamente per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, non sembrano essere associati agli stessi benefici. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero