I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Bibite zuccherate, gli effetti dannosi sul cervello

Il consumo giornaliero di bibite zuccherate potrebbe ridurre i volumi cerebrali e aumentare il rischio di perdere la memoria

Pubblicato il 03/05/2017 da Prevenzione a tavola

Il consumo giornaliero di bibite zuccherate potrebbe ridurre i volumi cerebrali e aumentare il rischio di perdere la memoria. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Alzheimer's & Dementia dai ricercatori del Framingham Heart Study di Framingham (Usa), secondo cui l’assunzione quotidiana di queste bevande potrebbe anche accrescere le probabilità di essere colpiti da ictus e demenza.

LEGGI ANCHE: Invecchiamento, dopo i 50 anni anche l’attività fisica fa bene al cervello

Gli autori hanno monitorato per dieci anni i comportamenti alimentari e lo stato di salute di 4.276 persone di età superiore ai 30 anni. I partecipanti sono anche stati invitati a svolgere alcuni test cognitivi e sono stati sottoposti a risonanza magnetica, per analizzarne l’attività e i volumi cerebrali. Al termine dell’indagine, è emerso che l’assunzione giornaliera di bibite zuccherate era in grado d’influenzare negativamente il cervello. Le persone che le consumavano ogni giorno avevano, infatti, maggiori probabilità di soffrire di perdita della memoria, presentavano volumi cerebrali inferiori e dimensioni dell’ippocampo più piccole, rispetto ai loro coetanei che non avevano quest’abitudine. Inoltre, correvano un rischio tre volte più elevato di soffrire di ictus e demenza rispetto alle persone che non consumavano queste bevande.

Gli esperti precisano che i risultati dello studio apparivano validi anche escludendo altri fattori di rischio, come il diabete. Osservano, infatti,  che le persone che consumano spesso le bevande zuccherate hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete, che a sua volta può aumentare il rischio di demenza. Tuttavia, anche dopo aver escluso i diabetici dalla ricerca, il consumo di queste bevande risultava ancora associato a un aumento del rischio di demenza.

“I nostri risultati indicano l’esistenza di un'associazione tra un’elevata assunzione di bevande zuccherate e l'atrofia cerebrale, che comprende anche una riduzione del volume del cervello e un impoverimento della memoria – afferma  Matthew P. Pase, che ha diretto la ricerca -. Abbiamo anche scoperto che le persone che bevevano quotidianamente queste bibite avevano  probabilità tre volte più alte d’incorrere in ictus e demenza, compreso un rischio maggiore di ictus ischemico, che comporta l’ostruzione dei vasi sanguigni del cervello, e della malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza”. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero