I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Bibite zuccherate, gli effetti dannosi sul cervello

Il consumo giornaliero di bibite zuccherate potrebbe ridurre i volumi cerebrali e aumentare il rischio di perdere la memoria

Pubblicato il 03/05/2017 da

Il consumo giornaliero di bibite zuccherate potrebbe ridurre i volumi cerebrali e aumentare il rischio di perdere la memoria. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Alzheimer’s & Dementia dai ricercatori del Framingham Heart Study di Framingham (Usa), secondo cui l’assunzione quotidiana di queste bevande potrebbe anche accrescere le probabilità di essere colpiti da ictus e demenza.

LEGGI ANCHE: Invecchiamento, dopo i 50 anni anche l’attività fisica fa bene al cervello

Gli autori hanno monitorato per dieci anni i comportamenti alimentari e lo stato di salute di 4.276 persone di età superiore ai 30 anni. I partecipanti sono anche stati invitati a svolgere alcuni test cognitivi e sono stati sottoposti a risonanza magnetica, per analizzarne l’attività e i volumi cerebrali. Al termine dell’indagine, è emerso che l’assunzione giornaliera di bibite zuccherate era in grado d’influenzare negativamente il cervello. Le persone che le consumavano ogni giorno avevano, infatti, maggiori probabilità di soffrire di perdita della memoria, presentavano volumi cerebrali inferiori e dimensioni dell’ippocampo più piccole, rispetto ai loro coetanei che non avevano quest’abitudine. Inoltre, correvano un rischio tre volte più elevato di soffrire di ictus e demenza rispetto alle persone che non consumavano queste bevande.

Gli esperti precisano che i risultati dello studio apparivano validi anche escludendo altri fattori di rischio, come il diabete. Osservano, infatti,  che le persone che consumano spesso le bevande zuccherate hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete, che a sua volta può aumentare il rischio di demenza. Tuttavia, anche dopo aver escluso i diabetici dalla ricerca, il consumo di queste bevande risultava ancora associato a un aumento del rischio di demenza.

“I nostri risultati indicano l’esistenza di un’associazione tra un’elevata assunzione di bevande zuccherate e l’atrofia cerebrale, che comprende anche una riduzione del volume del cervello e un impoverimento della memoria – afferma  Matthew P. Pase, che ha diretto la ricerca -. Abbiamo anche scoperto che le persone che bevevano quotidianamente queste bibite avevano  probabilità tre volte più alte d’incorrere in ictus e demenza, compreso un rischio maggiore di ictus ischemico, che comporta l’ostruzione dei vasi sanguigni del cervello, e della malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza”. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta del Pane di ceci

Il pane di ceci è una ricetta facile e saporita per accompagnare i vostri piatti

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Corsi - Prevenzione a tavola

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.

Estate, l’alimentazione corretta

Per tenere sotto controllo il caldo, per idratarsi correttamente e rinfrescarsi attraverso le scelte alimentari più corrette

Anguria beach, un fresco aperitivo

Concediamoci un po' di relax con un aperitivo estivo a base di anguria

Corsi - Prevenzione a tavola

Umeboshi: cos’è, benefici e ricette

Alla scoperta dell'Umeboshi, la prugna essiccata dalle meravigliose proprietà terapeutiche

Salsa verde all’acetosella

Anche se non conoscevo proprio questa pianta, nella mia ricerca di ricette tradizionali sono incappata in questa ricetta sfiziosa e semplicissima

Il Corso Base si arricchisce di un nuovo capitolo e due ricettari

La nostra scuola cerca di dare il meglio ogni giorno di più, per questo ci sembrava giusto fornire ulteriori strumenti di apprendimento e comprensione ai nostri allievi che vogliono cambiare la propria alimentazione

Stroncatura, l’antica ricetta calabrese

Oggi andiamo in Calabria per un primo che dentro contiene il sapore del mare e del grano, dei mercanti e dei contadini: la stroncatura è un piatto veloce che si prepara con pochissimi ingredienti

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo