I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Invecchiamento, dopo i 50 anni anche l’attività fisica fa bene al cervello

Anche l'attività fisica può fare bene al cervello

Pubblicato il 02/05/2017 da Prevenzione a tavola

Anche l'attività fisica può fare bene al cervello. A dimostrare i suoi benefici è un'analisi degli studi condotti sul tema pubblicata sul British Journal of Sports Medicine da un gruppo di ricercatori guidato da Joseph Northey, dottorando del Research Institute for Sport and Exercise dell'Università di Camberra (Australia) secondo cui adottare sane abitudini in termini di esercizio dopo i 50 anni di età potrebbe aiutare a migliorare sia le capacità di ragionamento sia la memoria.

LEGGI ANCHE: Succo di barbabietola migliora prestazioni cervello

Fino ad oggi i dubbi sugli effetti protettivi dell'esercizio sulla salute del cervello non sono mancati. I primi studi condotti “non erano concordi sulla questione”, sottolinea Anton Porsteinsson, direttore dell'Alzheimer's Disease Care, Research and Education Program della Scuola di Medicina dell'Università di Rochester (Stati Uniti), non coinvolto in questa nuova pubblicazione. Tuttavia, aggiunge l'esperto, la nuova analisi “suggerisce che l'esercizio, in particolare l'esercizio aerobico, l'allenamento di resistenza e il tai chi, è benefico per la salute del cervello”. Mantenersi fisicamente attivi porterebbe quindi con sé dei vantaggi in più oltre a quelli, già confermati, che permettono di migliorare lo stato di salute generale e di ridurre il rischio di malattie.

La nuova analisi ha preso in considerazione 39 diversi studi condotti in passato. In 18 casi l'attenzione era stata focalizzata sull'impatto di un esercizio di tipo aerobico (come camminare, correre o nuotare) sulle capacità di ragionamento, l'attenzione, la rielaborazione delle informazioni, la capacità di mettere in atto gli obiettivi e la memoria. 13 studi si erano invece concentrati sugli effetti dell'esercizio di forza, come il sollevamento peso, e altri 10 su diversi tipi di attività fisica svolti in combinazione. Qualche studio aveva analizzato anche i benefici del tai chi e dello yoga. Ne è emerso che l'attività fisica fa davvero bene alla salute del cervello, ma che diversi tipi di esercizio possono portare a vantaggi differenti. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande