I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il fungo letale e resistente ai farmaci: a rischio soprattutto anziani e neonati

«Una minaccia globale per la salute»: così i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi definiscono il super-fungo

Pubblicato il 02/05/2017 da Prevenzione a tavola

«Una minaccia globale per la salute»: così i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi definiscono il super-fungo potenzialmente letale che sta seminando il panico negli ospedali, soprattutto di New York e del New Jersey (ma non solo).

LEGGI ANCHE: Allerta super-fungo letale negli ospedali di New York, 44 casi

Si tratta della Candida aurisresistente ai farmaci, micete lievitiforme isolato per la prima volta nel 2009 nel canale uditivo di un 70enne giapponese ricoverato all’Ospedale geriatrico di Tokyo, e poi “migrato” in diversi Paesi, tra cui Stati Uniti e Gran Bretagna. Il primo caso in Europa è avvenuto a Londra, in un ospedale cardiologico: tra aprile 2015 e luglio 2016 ci sono stati 50 casi.

Bruciore e difficoltà a deglutire

Negli ultimi mesi a New York i casi di infezione resistente ai farmaci sono stati 44 (in 15 ospedali e uno studio medico), con 17 morti, ma per i decessi non è stato possibile stabilire in modo definitivo la relazione causa-effetto perché i pazienti avevano altre patologie preesistenti. Il primo caso negli Stati Uniti risale al 2013, ma la vera diffusione del super-fungo è iniziata l’anno scorso. Può infettare le ferite, le orecchie e il sangue. Nei casi peggiori (pazienti deceduti) provoca infezioni sistemiche entrando in circolo. I principali sintomi sono bruciore e difficoltà a deglutire.

Il super-fungo - spiegano gli esperti dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie di Atlanta - agisce come un super-batterio, non risponde agli anti funghicidi ed è difficile da identificare nei test di laboratorio, perché può essere facilmente scambiato con la Candida comune, ben nota e diffusa negli ospedali di tutto il mondo. La Candida auris colpisce soprattutto i soggetti deboli, come neonati e anziani e si diffonde molto facilmente: è stato trovato sulle attrezzature degli ospedali e sulla pelle di alcuni pazienti, anche già trattati con i medicinali. Nella maggior parte dei casi, è stato identificato in persone che erano state ricoverate a lungo in ospedale. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Corsi - Prevenzione a tavola

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Corsi - Prevenzione a tavola

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze