I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il fungo letale e resistente ai farmaci: a rischio soprattutto anziani e neonati

«Una minaccia globale per la salute»: così i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi definiscono il super-fungo

Pubblicato il 02/05/2017 da Prevenzione a tavola

«Una minaccia globale per la salute»: così i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi definiscono il super-fungo potenzialmente letale che sta seminando il panico negli ospedali, soprattutto di New York e del New Jersey (ma non solo).

LEGGI ANCHE: Allerta super-fungo letale negli ospedali di New York, 44 casi

Si tratta della Candida aurisresistente ai farmaci, micete lievitiforme isolato per la prima volta nel 2009 nel canale uditivo di un 70enne giapponese ricoverato all’Ospedale geriatrico di Tokyo, e poi “migrato” in diversi Paesi, tra cui Stati Uniti e Gran Bretagna. Il primo caso in Europa è avvenuto a Londra, in un ospedale cardiologico: tra aprile 2015 e luglio 2016 ci sono stati 50 casi.

Bruciore e difficoltà a deglutire

Negli ultimi mesi a New York i casi di infezione resistente ai farmaci sono stati 44 (in 15 ospedali e uno studio medico), con 17 morti, ma per i decessi non è stato possibile stabilire in modo definitivo la relazione causa-effetto perché i pazienti avevano altre patologie preesistenti. Il primo caso negli Stati Uniti risale al 2013, ma la vera diffusione del super-fungo è iniziata l’anno scorso. Può infettare le ferite, le orecchie e il sangue. Nei casi peggiori (pazienti deceduti) provoca infezioni sistemiche entrando in circolo. I principali sintomi sono bruciore e difficoltà a deglutire.

Il super-fungo - spiegano gli esperti dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie di Atlanta - agisce come un super-batterio, non risponde agli anti funghicidi ed è difficile da identificare nei test di laboratorio, perché può essere facilmente scambiato con la Candida comune, ben nota e diffusa negli ospedali di tutto il mondo. La Candida auris colpisce soprattutto i soggetti deboli, come neonati e anziani e si diffonde molto facilmente: è stato trovato sulle attrezzature degli ospedali e sulla pelle di alcuni pazienti, anche già trattati con i medicinali. Nella maggior parte dei casi, è stato identificato in persone che erano state ricoverate a lungo in ospedale. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pasta fresca, online il nostro nuovo corso di cucina

Imparare a preparare la pasta fatta in casa partendo da farine non raffinate e ingredienti genuini

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Corsi - Prevenzione a tavola

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi