Lorenzin: “Pillola abortiva in consultorio? La 194 non lo prevede”

La legge 194 “non sembra prevedere che i consultori possano essere considerati fra le sedi in cui effettuare interventi di interruzione volontaria di gravidanza”. Lo afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, rispondendo a un’interrogazione, al Question time in Aula alla Camera, sull’annuncio della Regione Lazio di sperimentare gli aborti farmacologici nei consultori . “Le condizioni per effettuare l’aborto farmacologico, in coerenza con la legge 194 – ricorda il ministro – sono quelle indicate dalla legge stessa: possono avvenire in ospedali, case di cura indicate dalla Regione, poliambulatori pubblici attrezzati adeguatamente e collegati agli ospedali, autorizzati anch’essi dalla Regione”. Ma non si parla, appunto, di consultori.

LEGGI ANCHE: Ticket sanità, riforma in vista

Per Lorenzin, “è evidente che la legge ha voluto garantire prima di ogni cosa le massime condizioni di sicurezza per la salute della donna, con riferimento a tutte le possibili modalità d Ivg, compresa quella farmacologica. Sono in vigore le linee di indirizzo, sulla base dei 3 pareri espressi dall’Iss nel 2004, 2005 e 2010, elaborate da una commissione interna al ministero e approvate il 14 giugno 2010. Linee di indirizzo tuttora valide, non essendo cambiati in questi anni i farmaci utilizzati per l’Ivg”. (FONTE)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche:  acquista il  Corso online di “Prevenzione a tavola”.

banner basso postfucina

Condividi il post

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare, tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa grazie le proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Tieniti in-forma(to)

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

Connettiti con noi sui social

Leggi le ultime su

Goditi i video su

Prevenzione a tavola è un marchio registrato - P.I. 04215320963