I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cioccolato ‘veleno’ per i cani, causa intossicazione

I consigli del veterinario

Pubblicato il 18/04/2017 da Prevenzione a tavola

Le uova di cioccolato abbondano sulle tavole nel periodo delle feste pasquali, e chi possiede un cane sa bene quanto i nostri amici a quattro zampe ne siano attratti. Attentazione però ad accontentarli dandogliene un pezzettino: il cioccolato, infatti, può essere per loro molto dannoso e, in alcuni casi, addirittura letale. "La cioccolata - spiega all'AdnKronos Salute il veterinario Marco Melosi, presidente Anmvi - contiene la teobromina, un alcaloide della stessa famiglia della caffeina. Questa sostanza per essere assimilata chiama in causa l'azione di un enzima, il Citocromo P450, che nei cani è carente e meno attivo rispetto agli esseri umani. La teobromina, inoltre, è sospettata di indurre la cardiomiopatia nel cane".

LEGGI ANCHE: Come scegliere un buon cioccolato al supermercato?

"Nell'uomo, per esempio - prosegue il veterinario - la concentrazione di teobromina dopo 7 ore si riduce del 50%: per la stessa quantità, nel cane, si impiegano 17 ore, quindi la sostanza si accumula molto facilmente e non viene eliminata. I sintomi dati dall'intossicazione sono convulsioni, vomito, diarrea e, in casi gravi, anche la morte. I soggetti più esposti sono cani di piccola taglia, cuccioli e cani anziani. Gli effetti dell'intossicazione, infatti - osserva- dipendono anche dalla stazza del cane: uno di grande taglia può consumare una quantità maggiore di cioccolato di uno di piccola taglia, prima di accusare effetti indesiderati".

LEGGI ANCHE: Quando e quanto dare da mangiare al nostri animali?

"Inoltre - sottolinea Melosi - vanno fatti alcuni distinguo in base alla qualità della cioccolata, per non creare inutili allarmismi: la maggior quantità di teobromina è presente nella cioccolata amara, quindi cacao e cioccolato fondente, quella al latte ne contiene delle dosi minori e la cioccolata bianca ne contiene ancora meno. Secondo il Manuale Merck Veterinario - prosegue - una quantità di cacao amaro di circa 1,3 grammi per chilogrammo è tossica: ed esempio, 63,78 grammi di cacao amaro sono sufficienti per produrre sintomi in un cane di 10 chili. I sintomi dell'intossicazione possono pesistere per 72 ore" ricorda il veterinario. Cosa fare in questi casi? "Per prima cosa - raccomanda - dobbiamo far vomitare il cane: basta utilizzare acqua ossigenata da 5 a 20 cc. a seconda del peso dell'animale. Il cane, dopo averla ingerita, vomiterà istantaneamente".

"Alti dosi di teobromina - chiosa Melosi - sono comunque nocive anche nell'essere umano così come in altri animali. Per i gatti, ad esempio, questa sostanza è ancora più tossica che nei cani, ma non potendo sentire il sapore dolce della cioccolata questi felini ne sono meno attratti, e difficilmente la mangiano. Negli Stati Uniti, inoltre, il Dipartimento dell'agricoltura sta portando avanti degli studi per utilizzare la teobromina come pesticida per il controllo del coyote che si nutre di bestiame". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali