I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

‘Assolti’ campi calcio sintetici, non sono cancerogeni

Parere dell'autorità Ue per la chimica, 'ma occorre vigilare'

Pubblicato il 11/04/2017 da Prevenzione a tavola

I campi da calcio sintetici non sono cancerogeni, anche se proprietari e produttori dovrebbero adottare misure per vigilare sulla presenza di sostanze pericolose. Lo afferma un parere dell'Echa, l'agenzia europea sulle sostanze chimiche, segnalato sull'ultimo numero della newsletter dell'Istituto Superiore di Sanità. Lo studio dell'Echa, richiesto dalla Commissione Ue, ha analizzato tutte le ricerche fatte in questi anni soprattutto sui materiali, per lo più trucioli ricavati dagli pneumatici dismessi, usati per il riempimento dei campi. Sulla base delle evidenze scientifiche disponibili l'agenzia ha stabilito che il rischio è "molto basso" per la presenza di Ipa, sostanze riconosciute dall'Oms fra quelle cancerogene, e "trascurabile" per i metalli, che sono in concentrazione inferiore a quella massima prevista per i giocattoli. Anche la presenza di altre sostanze pericolose come gli ftalati è risultata inferiore ai limiti. Nonostante i risultati positivi l'agenzia ha formulato comunque alcune raccomandazioni. "Proprietari e gestori di campi (all'aperto o al chiuso) esistenti dovrebbero misurare le concentrazioni di IPA e altre sostanze nei granuli di gomma - si legge -, e rendere queste informazioni a disposizione delle parti. I produttori di granuli di gomma e le organizzazioni interessate dovrebbero sviluppare linee guida per aiutare tutti i produttori e gli importatori di intasi di gomma riciclata ad effettuare test sul loro materiale. Associazioni europee sportive e di calcio e i club dovrebbero lavorare con i produttori per garantire che le informazioni sulla sicurezza dei granuli di gomma siano comunicate in modo comprensibile. Proprietari e gestori di campi al chiuso esistenti con intasi in granulo di gomma dovrebbero garantire un'adeguata ventilazione". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Corsi - Prevenzione a tavola

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle