I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lo stress aumenta di 5 volte il rischio ictus, aprile è il mese della prevenzione

Ogni anno colpiti 200mila italiani

Pubblicato il 06/04/2017 da Prevenzione a tavola

"Vari tipi di stress tra cui ansia, conflitti interpersonali, difficoltà lavorative e sociali aumentano di quasi 5 volte il rischio di ictus, soprattutto nei soggetti di età medio-avanzata. Considerando la diffusione di questi disturbi, averne consapevolezza sarebbe un passo avanti importante nella prevenzione". A fare il punto su uno dei fattori di rischio dell'ictus, nel mese dedicato a questa patologia grave e disabilitante, è Domenico Inzitari, Responsabile Stroke Unit Ospedale Careggi di Firenze e professore in Neurologia presso l'Università di Firenze.

IN ALTO IL VIDEO: I CIBI PER CONTRASTARE ICTUS

L'Ictus cerebrale, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Ogni anno ne vengono colpiti circa 200mila italiani e la metà dei superstiti rimane con problemi di disabilità anche grave. Ma nell'80% dei casi si può prevenire.

A questo mirano le tantissime iniziative di prevenzione e sensibilizzazione previste in tutta Italia nel mese di aprile, dall'Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale - A.L.I.Ce. Italia Onlus, che quest'anno celebra i suoi 20 anni. Tra gli obiettivi fornire informazione su come riconoscere i primi sintomi, fondamentale per arginare i danni, e su come evitare i principali fattori di rischio.

LEGGI ANCHE: Magnesio: consumo quotidiano previene cardiopatie, ictus e diabete

Tra questi ultimi, oltre che corretta alimentazione, attività fisica, niente fumo e poco alcol, un ruolo sempre maggiore sta emergendo essere quello dei problemi psicologici. Tanto la depressione che lo stress, sottolinea Inzitari, sono un fattore di rischio per l'ictus, "perché favoriscono la disfunzione del ritmo cardiaco, l'infiammazione sistemica e l'aggregazione delle piastrine". Pertanto, conclude "è necessario "imparare a controllare lo stress con opportuni interventi di tipo psicologico e sociale". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Corsi - Prevenzione a tavola

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino