I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Isolato nel cervello gene del buon sonno

Se è 'guasto' non si riesce a dormire bene e a riposarsi

Pubblicato il 06/04/2017 da Prevenzione a tavola

Ricercatori Usa hanno scoperto nel cervello un ''gene del sonno'', si chiama 'FABP7' e, se non ben funzionante, provoca un sonno irregolare e non riposante: insomma gli individui portatori di difetti a carico di FABP7, pur dormendo lo stesso numero di ore in media rispetto a individui col gene sano, vanno incontro durante la notte a parecchi risvegli e quindi risultano meno riposati. E' il risultato di una ricerca condotta presso la Washington State University e pubblicata sulla rivista Science Advances.

LEGGI ANCHE: Dormi più di 9 ore? Ecco cosa rischi

FABP7 - attivo nelle cellule nervose cosiddette 'a stella', gli astrociti - sembra essere un gene cruciale per il sonno, in quanto la sua funzione è risultata conservata in animali tanto diversi da noi, dal moscerino ai topolini. Gli esperti hanno iniziato lo studio proprio su roditori; inizialmente hanno visto che le concentrazioni di proteina FABP7 nel cervello (si tratta di una proteina 'navetta' che trasporta materiale dentro il nucleo delle cellule) fluttuavano nel corso dei ritmi sonno-veglia. Poi hanno isolato mutazioni a carico di FABP7 e visto che, laddove FABP7 non funziona bene, il sonno risulta disturbato, interrotto più volte. Poi gli scienziati sono passati all'analisi del Dna di 300 individui la cui qualità del sonno è stata studiata per sette giorni in un laboratorio ad hoc. Gli esperti hanno trovato mutazioni a carico di FABP7 in 29 individui e visto che questi tendevano a dormire male, in modo intermittente con parecchi risvegli involontari. Infine gli esperti hanno inserito copie del gene umano - sane e difettose - nel Dna di moscerini e visto che questi, in presenza di geni difettosi, dormono poco e male. Insomma FABP7 è un gene cruciale del sonno per tanti animali, quindi deve avere una funzione importante nel regolarlo; scoprirla consentirà non solo di capire meglio a cosa serve dormire, ma anche di trovare eventuali rimedi a molti disturbi del sonno. (ANSA).



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale