I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cinque consigli per combattere la cellulite

Pubblicato il 06/04/2017 da Post Sponsorizzato

La cellulite è un problema di tipo estetico che affligge 8 donne su 10.  Nota con il nome scientifico di panniculopatiaedemato fibrosa, è un difetto causato dalla degenerazione dei tessuti cellulari provocata da una inadeguata circolazione sanguigna. A differenza di quello che si pensa, non dipende dal peso corporeo in quanto colpisce sia persone magre che persone in sovrappeso.

Prima di parlare dei trattamenti anticellulite è importante considerare che l’adiposità localizzata non rimane invariata nel tempo ma attraversa tre fasi differenti:

  • Prima fase – cellulite edematosa – la degenerazione dei tessuti si riscontra solo pizzicando una particolare zona cutanea. I tessuti cominciano a perdere tono provocando il ristagno dei liquidi. Questo tipo di cellulite può essere causata da disfunzioni ormonali, da fattori ereditari o fattori costituzionali.
  • Seconda fase – cellulite fibrosa – la pelle a buccia d’arancia comincia a manifestarsi alterando visibilmente la silhouette. Il ristagno dei liquidi porta ad una sofferenza costante dei tessuti che diventano fibrosi.
  • Terza fase – cellulite sclerotica – è l’ultima fase, la pelle si caratterizza per avvallamenti e gonfiori.

Tra le cause scatenanti della cellulite vi è sicuramente la scarsa idratazione che provoca la ritenzione idrica. L’organismo trattiene i liquidi provocando il loro ristagno in determinate parti cutanee dove l’accumulazione dei grassi è più facile: nella pancia, sui glutei e nelle gambe.

Quali sono le migliori strategie per contrastare la cellulite?

1 ° Consiglio: Bere molta acqua

Non bisogna bere l’acqua solo quando si avverte lo stimolo della sete, ma bisogna sforzarsi di ingerire più liquidi durante tutta la giornata. In particolare si deve eliminare le bevande gassate e alcoliche, bere invece più tè verde o tisane drenanti e depurative come:

  • infuso di betulla, nota per le sue proprietà depurative e diuretiche,
  • decotto o infuso di ciliegie, dall’azione disintossicante e diuretica,
  • infuso di gramigna, ideale contro la ritenzione idrica.

Bevendo di più l’organismo espelle più velocemente le tossine, i tessuti cellulari acquisiscono idratazione e rimangono elastici e tonici.

2° Consiglio: Alimentazione corretta

Una dieta sana ed equilibrata aiuta il nostro organismo a depurarsi e a mantenersi in forma. E’ importate assumere alimenti ricchi di Vitamine e Sali Minerali che mantengono tonico e forte il tessuto connettivo.

E’ indispensabile ridurre il consumo di sale nei cibi in quanto il sodio non fa altro che incrementare l’infiammazione dei tessuti adiposi provocando la nascita della cellulite. Un consiglio utile è quello di insaporire i cibi, come le verdure e la carne, con le spezie e le erbe aromatiche che donano la giusta sapidità agli alimenti.

Eliminare completamente gli alimenti precotti, fritti, i formaggi stagionati e i cibi in salamoia.

Incrementare invece il consumo di frutta e verdura, in particolare quella cruda come insalata, rucola, pomodori e cetrioli, è indispensabile per assimilare Vitamine e Sali Minerali. Mangiare più pesce è fondamentale per l’assunzione degli Omega 3.

Per ridurre la cellulite si consiglia l’utilizzo dell’olio extra vergine di oliva a crudo sugli alimenti, al bando il lardo, il burro e lo strutto.

Infine ridurre il consumo degli zuccheri, prediligere in particolare lo zucchero non raffinato come quello di canna e limitarsi con il consumo di dolci di pasticceria.

3° Consiglio: Praticare esercizi fisici

Praticare almeno mezz’ora di camminata, a passo sostenuto, tutti i giorni aiuta il nostro organismo a rimanere tonico e giovane. A migliorare visibilmente non è solo i nostro aspetto fisico ma anche le nostre funzionalità cardiache e respiratorie.

Per la cellulite esistono però esercizi più specifici che permettono di stendere i tessuti ed eliminare la buccia d’arancia.

Lo sport indicato in tal senso è il nuoto che tonifica tutto il corpo migliorando la circolazione corporea ed eliminando la sensazione di stanchezza e pesantezza alle gambe. Consigliata è anche l’acquagym che,in modo più divertente, permette di bruciare fino a 400 calorie in una sola ora.

Utilissimo è il GAG: esercizi mirati per le gambe gli addominali e i glutei che consentono una perfetta tonificazione dei muscoli nei punti più critici del corpo.

4° Consiglio: Applicare creme e oli specifici

 Utile per contrastare la cellulite è l’utilizzo di prodotti specifici che idratano la pelle e facilitano l’eliminazione della antiestetica buccia d’arancia. Se applicati con costanza e con movimenti energici dal basso verso l’alto possono migliorare visibilmente, giorno dopo giorno, la circolazione sanguigna e tonificare i tessuti interessati. Consigliatissimi sono i fanghi  e gli scrub che esfoliano le cellule morte e ravvivano i tessuti.

Effettuare i massaggi presso un centro estetico rappresenta un ottimo modo per migliorare lo stato di salute delle proprie gambe e del proprio addome.

5° Consiglio: Trattamenti estetici adatti

Nel caso in cui la cellulite riguarda ampie zone del corpo, ed è di tipo sclerotico, questi piccoli accorgimenti possono non bastare, il rimedio più efficace è rappresentato da trattamenti estetici di tipo non invasivo che non causano alcun rischio alla salute.

Alcuni tra i trattamenti cellulite più famosi sono:

  • la radiofrequenza che si avvale dell’utilizzo delle onde elettromagnetiche che bruciano i grassi e favoriscono la produzione del collagene.
  • La cavitazione che si avvale dell’utilizzo di ultrasuoni che sciolgono i grassi delle cellule che costituiscono la cellulite.
  • La mesoterapia che si caratterizza per l’iniezione di farmaci specifici nella zona interessata. Questi farmaci attivano la microcircolazione e sfiammano i tessuti.
  • La criolipolisi è il trattamento più recente che si avvale delle temperature basse per eliminare la cellulite.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero