I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Legumi, mezza porzione in più aiuta a combattere il diabete

Riduce il rischio di ritrovarsi alle prese con un problema metabolico molto diffuso: il diabete di tipo 2

Pubblicato il 05/04/2017 da Prevenzione a tavola

La Dieta Mediterranea è ricca di ingredienti alleati della salute, legumi inclusi. Oltre a favorire una buon funzionamento dell’intestino questi alimenti di origine vegetale potrebbero aiutare a ridurre il rischio di ritrovarsi alle prese con un problema metabolico molto diffuso: il diabete di tipo 2. A suggerirlo sono i nuovi risultati emergenti dallo studio Predimed (Prevenzione con la Dieta Mediterranea), la più ampia sperimentazione mai condotta per verificare se adottare i principi alla base di questo regime alimentare può aiutare a ridurre l’incidenza di malattie croniche in pazienti ad elevato rischio cardiovascolare.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO: Come cuocere correttamente i legumi

Già in passato alcune ricerche avevano suggerito il legame tra il consumo di legumi e la riduzione del rischio di diabete. I nuovi dati, provenienti da un campione di oltre 3.300 individui ad elevato rischio cardiovascolare ma non affetti da diabete prima dell’inizio dello studio, hanno svelato che fra i forti consumatori di lenticchie, ceci, fagioli e piselli (28,75 g al giorno, pari al consumo di 3,35 porzioni da 60 g di legumi crudi diversi dalla soia ogni settimana) tale rischio è inferiore del 35% rispetto a quello corso tra chi consuma quantità più ridotte di questi legumi (12,73 g al giorno, pari a circa 1,5 porzioni alla settimana).

Fra i diversi tipi di legumi analizzati, le lenticchie sono risultate le principali alleate contro il diabete. Basta infatti consumarne 1 porzione a settimana per veder ridurre il rischio di diabete del 33% rispetto a quello corso da chi ne mangia meno di mezza porzione ogni 7 giorni. Infine, dall’analisi delle informazioni raccolte durante la sperimentazione è emersi che potrebbe essere sufficiente sostituire ogni giorno mezza porzione di cibi ricchi di proteine o di carboidrati (come le uova, il pane o il riso) con mezza porzione di legumi per ridurre la probabilità di ritrovarsi alle prese con questa malattia.Gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition, sottolineano come siano necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati. Le informazioni a disposizione confermano però le potenzialità dei legumi nella prevenzione di malattie croniche come il diabete. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero