I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumore polmone, 16% pazienti vivo a 5 anni con immunoterapia

Oncologi, prima volta sopravvivenza a lungo termine, è triplicata

Pubblicato il 03/04/2017 da Prevenzione a tavola

Per la prima volta, si può parlare di 'sopravvivenza a lungo termine' nel tumore del polmone, considerato tra i 'big killer': il 16% dei pazienti con tumore del polmone trattati con il nuovo farmaco immunoterapico nivolumab è infatti vivo a 5 anni. Per la "prima volta - affermano gli oncologi - è dunque possibile parlare di sopravvivenza a lungo termine in una delle neoplasie più frequenti, che nel 2016 ha registrato in Italia oltre 41mila nuovi casi".

Il dato emerge dallo studio di fase I CA209-003, presentato al congresso dell'American Association for Cancer Research a Washington. Lo studio ha valutato la molecola nivolumab - che attiva il sistema immunitario contro il tumore - in 129 pazienti con cancro al polmone non a piccole cellule avanzato, precedentemente trattati. Le percentuali di sopravvivenza "a 5 anni in tali malati storicamente non superavano il 5%, nivolumab le ha triplicate", spiega Michele Maio, direttore Immunoterapia Oncologica e del Centro di Immunncologia Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena.

"Siamo di fronte - rileva Maio - a un risultato importantissimo, per quanto derivante da uno studio di fase 1, e a un cambiamento epocale. È il primo reale passo in avanti negli ultimi 20 anni in una neoplasia particolarmente difficile da trattare. Il 60-70% dei casi è diagnosticato in fase avanzata di malattia. L'unica arma disponibile era rappresentata dalla chemioterapia, poco efficace e molto tossica. E i farmaci a bersaglio molecolare - precisa - funzionano solo nei pochi casi che presentano specifiche mutazioni genetiche".

Grazie ai risultati dell'immunoterapia, sottolinea, "dobbiamo ora 'abituarci' a gestire numeri più elevati di pazienti con una sopravvivenza inaspettata fino a pochi anni fa". Inoltre, "alla luce della tendenza già vista in precedenti studi con farmaci immunoncologici, in particolare nel melanoma, è probabile che queste percentuali si mantengano anche negli anni successivi e che quindi si possa in futuro parlare di pazienti vivi a 10 anni anche per una patologia fino ad oggi a prognosi invariabilmente infausta".

Nivolumab è il primo farmaco immunoterapico (anti-PD-1) per il quale l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) a marzo 2016 aveva stabilito la rimborsabilità nel trattamento del melanoma avanzato e del tumore del polmone non a piccole cellule squamoso avanzato. Lo scorso febbraio l'agenzia regolatoria ha approvato la molecola anche nel carcinoma a cellule renali e nel tumore del polmone non a piccole cellule non squamoso avanzato.

Ed è recente il parere favorevole espresso dal Comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia Europea per i farmaci (EMA) per l'uso di nivolumab nel trattamenti dei tumori di testa e collo. "Si stanno aprendo prospettive terapeutiche assolutamente interessanti in molte neoplasie - rileva Maio - con le strategie di combinazione e sequenza delle terapie immunoncologiche a disposizione e di quelle in fase sperimentale con farmaci diretti contro nuovi bersagli terapeutici". Maio è anche autore de 'Il corpo anti-cancro' (Piemme Edizioni), libro sull'immuno-oncologia che contiene pure testimonianze di molti pazienti trattati. "Alcuni sono molto anziani, over 90 - conclude -. È la dimostrazione che l'immunoncologia può funzionare indipendentemente dall'età".

Melanoma, 64% pazienti è vivo dopo 2 anni con immunoterapia Raddoppiate le diagnosi in Italia dal 2006

ROMA - Il 64% dei pazienti con melanoma è vivo a 2 anni grazie all'immunoterapia, l'approccio terapeutico mirato a risvegliare il sistema immunitario contro il cancro. Lo dimostrano i risultati dello studio di fase III CheckMate-067 su 945 malati non trattati in precedenza, presentati a Washington in occasione del congresso dell'American Association for Cancer Research. In dieci anni in Italia sono quasi raddoppiate le diagnosi di melanoma: nel 2006 erano poco più di 7.000, sono 13.800 nel 2016. La prima molecola immuno-oncologica approvata, ipilimumab, ha dimostrato risultati importanti: il 20% delle persone colpite dalla malattia in fase metastatica è vivo a 10 anni dalla diagnosi. Ulteriori passi in avanti oggi sono compiuti grazie a nivolumab, nuova molecola immuno-oncologica, sia in monoterapia che in combinazione con ipilimumab. In particolare, i tassi di sopravvivenza a due anni con la combinazione hanno raggiunto il 64% rispetto al 59% con nivolumab da solo e al 45% con ipilimumab in monoterapia. "Questi risultati - spiega Paolo Ascierto, direttore dell'Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell'Istituto Nazionale Tumori Fondazione 'G. Pascale' di Napoli - sono rilevanti soprattutto per i pazienti colpiti dalla patologia in forma aggressiva, in questi casi infatti è importante disporre di una terapia che offra risposte immediate". Il regime di combinazione delle due molecole immuniterapiche, sottolinea Ascierto, "ha offerto una riduzione del rischio di morte del 12% rispetto a nivolumab da solo. Inoltre si è registrato un vantaggio di quasi il 15% del tasso di risposta con la combinazione: le risposte sono state più veloci, più profonde, con una maggiore riduzione del tumore, e più durature". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande