I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Contro il tumore alla vescica primo passo avanti nelle cure dopo 30 anni

Pinto (Aiom), parte ora la seconda 'era' della immunoterapia contro i tumori

Pubblicato il 27/03/2017 da Prevenzione a tavola

Primo reale passo avanti nella cura, dopo 30 anni, per il tumore della vescica, che nel 2016 in Italia registra 26.600 nuovi casi: dopo i risultati contro il cancro del polmone e prima ancora contro il melanoma, l'immuno-oncologia - che mira a 'risvegliare' il sistema immunitario contro le cellule tumorali - apre dunque una nuova 'era' anche contro altre neoplasia estremamente diffuse.

In Italia le guarigioni dei pazienti colpiti da tumore del polmone (14,3%) e della vescica (78%) sono più alte rispetto al resto d'Europa (rispettivamente 13% e 68,6%) e tali percentuali sono destinate a migliorare in modo significativo grazie appunto all'immuno-oncologia. Al nuovo approccio l'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) dedica il convegno 'Immunoterapia nei tumori del polmone e dell'urotelio, a che punto siamo?'.

LEGGI ANCHE: Il 65% dei tumori alla vescica nell’uomo sono causati dalle sigarette

Per i pazienti con cancro alla vescica, per decenni sono mancate significative novità: si tratta spesso di pazienti anziani e fragili, con molte altre patologie che limitano l'uso della chemioterapia. Eppure in Italia vivono quasi 87.800 persone dopo il tumore del polmone e 253.850 dopo quello della vescica. Si tratta infatti di due delle neoplasie più frequenti (la terza e la quinta), che fino a poco tempo fa non presentavano reali alternative terapeutiche se diagnosticate in fase avanzata.

Oggi, dopo più di 20 anni senza significative novità, l'immuno-oncologia sta modificando lo standard del trattamento anche in questi tumori. Oggi, "stiamo entrando nella seconda fase dello 'tsunami' provocato da questa rivoluzione terapeutica, per questo possiamo parlare di 'immuno-oncologia anche per altre patologie neoplastiche", afferma Carmine Pinto, presidente Aiom.

Tumori: Pinto, a giorni criteri per Fondo farmaci innovativi. Presidente oncologi Aiom,immunoterapia oggi realtà contro cancro ROMA - Entro il 31 marzo saranno pubblicati dall'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) i criteri per la scelta dei farmaci innovativi che saranno compresi nel Fondo da 500 mln di euro finalizzato alla copertura economica per i nuovi farmaci oncologici, previsto dalla Legge di Bilancio. A ricordarlo è il presidente dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), Carmine Pinto, in occasione del convegno 'Immunoterapia nei tumori del polmone e dell'urotelio, a che punto siamo?'.

"Ora - ha sottolineato Pinto - sarà importante gestire al meglio tale Fondo, considerando gli avanzamenti dell'immuno-oncologia ed i nuovi farmaci in arrivo. La novità è, infatti, proprio l'estensione dell'approccio dell'immunoterapia anche ad altre neoplasie: dopo il melanoma ed il polmone, oggi sappiamo, infatti, che l'immonoterapia può funzionare, con le molecole che già abbiamo a disposizione, anche per altri tumori". Dunque la scommessa ora, ha rilevato, "è estendere tale approccio a un numero sempre maggiore di neoplasie, oltre a capire come potenziarne l'efficacia".

Intanto, nuovi studi confermano come il fumo di sigaretta sia responsabile dell'85-90% di tutti i carcinomi polmonari e sempre al tabacco possono essere attribuiti i due terzi del rischio di tumore della vescica negli uomini e un terzo nelle donne. C'è "l'evidenza che i tumori che più rispondono all'immuno-oncologia abbiano un'origine legata al fumo, ovvero che la risposta immunitaria sia spontaneamente più forte contro mutazioni del DNA provocate da fattori esterni e che rendono le cellule tumorali 'aliene' al nostro organismo e quindi da rigettare - spiega Licia Rivoltini, direttore Unità di Immunoterapia dei tumori umani all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano -. Il grande lavoro che stiamo ora facendo è appunto mirato a capire quali sono i pazienti che più possono rispondere a questo nuovo approccio di cura".

Nel 2013 "sembrava una scommessa - conclude Pinto - ma oggi l'immuno-oncologia sta diventando sempre di più una realtà consolidata, tanto che l'immunoterapia è stata nominata per la seconda volta come 'il più importante avanzamento dell'anno nella lotta contro il cancro' nel recente report della Società americana di oncologia clinica". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore