I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

Pubblicato il 24/03/2017 da Prevenzione a tavola

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore. Secondo questa ricerca, infatti, chi si ammala - nella maggior parte dei casi - può prendersela con la sfortuna. E' quanto sostengono Bert Vogelstein e Cristian Tomasetti, rispettivamente genetista e biostatistico della Johns Hopkins University di Baltimora, attraverso uno studio pubblicato su 'Science'. Due terzi dei tumori, secondo i ricercatori, sono infatti imputabili a mutazioni genetiche, quindi 'al caso', piuttosto che a stili di vita sbagliati. Già nel 2015 gli studiosi avevano avanzato tale ipotesi, suscitando numerose polemiche, e ora sono tornati sull'argomento con un nuovo studio che conferma e rafforza l'idea originaria.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Berrino 10 regole d’oro per prevenire i tumori con l’alimentazione

La loro ricerca chiama in causa quelli che vengono generalmente considerati come fattori di rischio o cause di neoplasie, ovvero stili di vita poco sani, difetti genetici o l'ambiente in cui si vive. I tumori sono causati da mutazioni che possono essere ereditate, indotte da fattori ambientali, o derivanti da errori di replicazione del DNA (R). Sulla base di tali considerazioni lo studio ha analizzato il rapporto tra il numero di divisioni normali delle cellule staminali e il rischio di 17 tipi di cancro in 69 paesi in tutto il mondo.

Leggi anche: Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

I dati hanno rivelato che esiste una forte correlazione (mediana = 0,80) tra l'incidenza del cancro e le normali divisioni delle cellule staminali in tutti i paesi, indipendentemente dal loro ambiente. Ciò vuol dire che più alto è il numero di divisioni cellulari che avvengono in un tessuto più alto è il rischio di ammalarsi, a prescindere da dove si vive o dallo stile di vita praticato. Secondo i ricercatori infatti le mutazioni R sono responsabili di due terzi delle mutazioni nei tumori umani.

Leggi anche: L’Onu mette al bando il salame: “Pericolose per la salute le carni lavorate”

Nello specifico, considerando 32 tipi di tumore, si è arrivati al dato complessivo del 66% delle mutazioni dovute al caso, mentre il 5% è imputabile a fattori ereditari e il restante 29% è legato a stili di vita sbagliati. Alla luce di tali risultati i ricercatori hanno quindi sostenuto l'importanza della diagnosi precoce per bloccare il cancro nei primi stadi di sviluppo. La prevenzione primaria è il modo migliore per ridurre i decessi per cancro, tuttavia nel caso dei tumori in cui le mutazioni sono il risultato delle mutazioni R, la prevenzione secondaria, ovvero la diagnosi precoce, è l'unica opzione. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?