I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

Pubblicato il 24/03/2017 da Prevenzione a tavola

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore. Secondo questa ricerca, infatti, chi si ammala - nella maggior parte dei casi - può prendersela con la sfortuna. E' quanto sostengono Bert Vogelstein e Cristian Tomasetti, rispettivamente genetista e biostatistico della Johns Hopkins University di Baltimora, attraverso uno studio pubblicato su 'Science'. Due terzi dei tumori, secondo i ricercatori, sono infatti imputabili a mutazioni genetiche, quindi 'al caso', piuttosto che a stili di vita sbagliati. Già nel 2015 gli studiosi avevano avanzato tale ipotesi, suscitando numerose polemiche, e ora sono tornati sull'argomento con un nuovo studio che conferma e rafforza l'idea originaria.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Berrino 10 regole d’oro per prevenire i tumori con l’alimentazione

La loro ricerca chiama in causa quelli che vengono generalmente considerati come fattori di rischio o cause di neoplasie, ovvero stili di vita poco sani, difetti genetici o l'ambiente in cui si vive. I tumori sono causati da mutazioni che possono essere ereditate, indotte da fattori ambientali, o derivanti da errori di replicazione del DNA (R). Sulla base di tali considerazioni lo studio ha analizzato il rapporto tra il numero di divisioni normali delle cellule staminali e il rischio di 17 tipi di cancro in 69 paesi in tutto il mondo.

Leggi anche: Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

I dati hanno rivelato che esiste una forte correlazione (mediana = 0,80) tra l'incidenza del cancro e le normali divisioni delle cellule staminali in tutti i paesi, indipendentemente dal loro ambiente. Ciò vuol dire che più alto è il numero di divisioni cellulari che avvengono in un tessuto più alto è il rischio di ammalarsi, a prescindere da dove si vive o dallo stile di vita praticato. Secondo i ricercatori infatti le mutazioni R sono responsabili di due terzi delle mutazioni nei tumori umani.

Leggi anche: L’Onu mette al bando il salame: “Pericolose per la salute le carni lavorate”

Nello specifico, considerando 32 tipi di tumore, si è arrivati al dato complessivo del 66% delle mutazioni dovute al caso, mentre il 5% è imputabile a fattori ereditari e il restante 29% è legato a stili di vita sbagliati. Alla luce di tali risultati i ricercatori hanno quindi sostenuto l'importanza della diagnosi precoce per bloccare il cancro nei primi stadi di sviluppo. La prevenzione primaria è il modo migliore per ridurre i decessi per cancro, tuttavia nel caso dei tumori in cui le mutazioni sono il risultato delle mutazioni R, la prevenzione secondaria, ovvero la diagnosi precoce, è l'unica opzione. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande