I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumori, la maggior parte è dovuta al caso

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore

Pubblicato il 24/03/2017 da Prevenzione a tavola

Nuovo studio sui tumori destinato a far rumore. Secondo questa ricerca, infatti, chi si ammala - nella maggior parte dei casi - può prendersela con la sfortuna. E' quanto sostengono Bert Vogelstein e Cristian Tomasetti, rispettivamente genetista e biostatistico della Johns Hopkins University di Baltimora, attraverso uno studio pubblicato su 'Science'. Due terzi dei tumori, secondo i ricercatori, sono infatti imputabili a mutazioni genetiche, quindi 'al caso', piuttosto che a stili di vita sbagliati. Già nel 2015 gli studiosi avevano avanzato tale ipotesi, suscitando numerose polemiche, e ora sono tornati sull'argomento con un nuovo studio che conferma e rafforza l'idea originaria.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Berrino 10 regole d’oro per prevenire i tumori con l’alimentazione

La loro ricerca chiama in causa quelli che vengono generalmente considerati come fattori di rischio o cause di neoplasie, ovvero stili di vita poco sani, difetti genetici o l'ambiente in cui si vive. I tumori sono causati da mutazioni che possono essere ereditate, indotte da fattori ambientali, o derivanti da errori di replicazione del DNA (R). Sulla base di tali considerazioni lo studio ha analizzato il rapporto tra il numero di divisioni normali delle cellule staminali e il rischio di 17 tipi di cancro in 69 paesi in tutto il mondo.

Leggi anche: Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

I dati hanno rivelato che esiste una forte correlazione (mediana = 0,80) tra l'incidenza del cancro e le normali divisioni delle cellule staminali in tutti i paesi, indipendentemente dal loro ambiente. Ciò vuol dire che più alto è il numero di divisioni cellulari che avvengono in un tessuto più alto è il rischio di ammalarsi, a prescindere da dove si vive o dallo stile di vita praticato. Secondo i ricercatori infatti le mutazioni R sono responsabili di due terzi delle mutazioni nei tumori umani.

Leggi anche: L’Onu mette al bando il salame: “Pericolose per la salute le carni lavorate”

Nello specifico, considerando 32 tipi di tumore, si è arrivati al dato complessivo del 66% delle mutazioni dovute al caso, mentre il 5% è imputabile a fattori ereditari e il restante 29% è legato a stili di vita sbagliati. Alla luce di tali risultati i ricercatori hanno quindi sostenuto l'importanza della diagnosi precoce per bloccare il cancro nei primi stadi di sviluppo. La prevenzione primaria è il modo migliore per ridurre i decessi per cancro, tuttavia nel caso dei tumori in cui le mutazioni sono il risultato delle mutazioni R, la prevenzione secondaria, ovvero la diagnosi precoce, è l'unica opzione. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'