I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Alcuni farmaci abbattono scompenso cardiaco e mortalità

Studio su 365mila pazienti che usavano inibitori dell'SGLT2i

Pubblicato il 23/03/2017 da Prevenzione a tavola

 Un tipo di farmaci usati contro il diabete di tipo 2 riduce significativamente l'ospedalizzazione per scompenso cardiaco e la mortalità per tutte le cause in pazienti diabetici. E' quanto emerge da un ampio studio presentato al 66/mo Congresso dell'American College of Cardiology e condotto in sei paesi, ovvero Danimarca, Germania, Norvegia, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti.

Nel mondo le persone con diabete di tipo 2 sono circa 415 milioni, un numero destinato ad arrivare a 642 milioni entro il 2040, circa un adulto su 10. La metà delle morti per questi pazienti è causata da patologie cardiovascolari. Inoltre queste persone presentano un rischio di scompenso cardiaco 2-3 volte maggiore e un aumentato rischio di avere un infarto o un ictus.

La sperimentazione CVD-Real è stata condotta su più di 365 mila pazienti con diabete di tipo 2 che assumevano uno dei tre farmaci del gruppo degli inibitori dei cotrasportatori di sodio-glucosio (SGLT2i), ovvero farmaci che agiscono rimuovendo il glucosio attraverso i reni: dapagliflozin, empagliflozin, canagliflozin. L'87% di questi pazienti non aveva mai presentato patologie cardiovascolari. Le analisi, validate dal gruppo statistico accademico indipendente del St. Luke's Mid America Heart Institute di Kansas City, sono state condotte attraverso cartelle cliniche anonime, database di segnalazioni e registri nazionali. Ne è emerso che, rispetto agli altri farmaci contro il diabete, i SGLT2i sono in grado di ridurre del 39 per cento il rischio di andare incontro a scompenso cardiaco, una delle complicanze del diabete, e del 51 per cento la mortalità per tutte le cause. Lo studio, ancora in corso, si estenderà ora anche a pazienti di Canada, Messico e Giappone. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti