I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Calvizie? E’ colpa dei geni

La stima arriva da uno studio pubblicato su Nature Communications

Pubblicato il 21/03/2017 da Prevenzione a tavola

Il genoma umano può contenere almeno 63 varianti genetiche in grado di aumentare il rischio di diventare precocemente calvi. La stima arriva da uno studio pubblicato su Nature Communications da un gruppo internazionale di ricercatori coordinato dagli esperti dell’Università di Bonn (Germania) secondo cui la perdita prematura dei capelli è associata ad una serie di altre caratteristiche fisiche a al rischio di sviluppare diverse malattie. Gli uomini che diventano calvi da giovani tendono ad esempio ad essere bassi e ad essere esposti a un maggior rischio di tumore alla prostata; tuttavia, secondo Markus Nöthen, responsabile dello studio, non è il caso di preoccuparsi oltre misura. “Il rischio di malattie aumenta solo lievemente - precisa infatti il ricercatore - Tuttavia, è interessante osservare che la perdita dei capelli non è affatto una caratteristica isolata, e che invece mostra diverse correlazioni con altre caratteristiche”.

Nöthen e collaboratori hanno analizzato il materiale genetico di oltre 20 mila uomini provenienti da 7 diversi paesi, fra cui circa 11 mila individui diventati prematuramente calvi. “Siamo riusciti a identificare 63 alterazioni nel genoma umano che aumentano il rischio di perdere prematuramente i capelli - racconta Stefanie Heilmann-Heimbach, primo nome dello studio - Alcune di queste alterazioni sono state associate ad altre caratteristiche e malattie, come una corporatura ridotta, una pubertà più precoce e vari tumori”. “Abbiamo rilevato anche legami con una pelle chiara e una maggiore densità ossea - aggiunge Nöthen - Ciò potrebbe indicare che gli uomini che perdono i capelli riescono a utilizzare meglio la luce del sole per sintetizzare la vitamina D”. Questo micronutriente, prezioso per la salute delle ossa, viene infatti sintetizzato nella pelle in seguito all’esposizione agli ultravioletti presenti nella radiazione solare; la calvizie precoce non sarebbe quindi associata solo a caratteristiche negative.

Per il momento gli esperti sanno poco dei meccanismi molecolari alla base delle associazioni rilevate. Solo ulteriori studi potranno aiutare a chiarirli. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Corsi - Prevenzione a tavola

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze

Come preparare il succo d’anguria in 1 minuto

Un'idea geniale e rinfrescante per questi giorni di caldo

Corsi - Prevenzione a tavola

Scottature al sole: i cibi che aumentano il rischio

Per proteggersi dalle scottature non basta mettere la crema, ma anche evitare alcuni alimenti

Alla scoperta della merendella, la deliziosa pesca calabrese

Incrocio tra pesca e mela, la merendella ha trovato in Calabria (e in alcune zone della Sicilia) il suo habitat naturale

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Più tazzine di caffè non aumentano il rischio di cancro, ma cuore a rischio

E' quanto emerge da due studi vasti australiani

Ricotta di bufala: alimento anti-caldo, ricca di calcio e fosforo

Utile nel recupero dell'equilibrio energetico e per il reintegro dei sali minerali

Le bibite zuccherate potrebbero aumentare il rischio di cancro

Che fossero legate a diabete e obesità già lo si sapeva, ma adesso un motivo in più per non farne uso

Lo straordinario ortaggio che sembra un pomodoro ma non lo è

Rosso, rotondo e dalle molte proprietà salutari, viene coltivato in Basilicata