I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

A Giuseppe Curigliano il primo premio dedicato a Umberto Veronesi

E' il direttore della divisione sviluppo nuovi farmaci dello Ieo

Pubblicato il 17/03/2017 da Prevenzione a tavola

 E’ andato a Giuseppe Curigliano, direttore della divisione sviluppo nuovi farmaci per terapie innovative dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO), il primo “Umberto Veronesi Memorial Award”, il premio dedicato alla memoria del suo fondatore, per “riconoscere il ruolo primario di un medico nel progresso della scienza e la cura delle pazienti con tumore del seno”. Il premio è stato consegnato oggi a Vienna, nell’ambito della 15esima St. Gallen International Breast Cancer Conference, dalla European School of Oncology.

LEGGI ANCHE: Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

“Sono onorato di ricevere il primo premio al mondo intitolato al professor Veronesi, durante il meeting di St. Gallen, la conferenza più importante a livello internazionale per il trattamento del tumore mammario in stadio precoce – ha commentato Curigliano – L’eredità intellettuale per la lotta tumore al seno che Veronesi ha lasciato all’IEO e a tutta la comunità medico-scientifica internazionale è ben nota. A noi oncologi medici in particolare ha insegnato a rifiutare i dogmi e a porci sempre dei dubbi per innovare sistematicamente l’approccio alle cure. L’immunoterapia, in cui il professore ha creduto sin dagli albori, è un esempio di una nuova concezione di trattamento, che potrebbe rivoluzionare anche la prevenzione dei tumori e per questo ho accettato di dedicare la mia Award Lecture proprio a questo tema”. “Basti pensare – ha proseguito – al potenziale ruolo dei vaccini nelle precancerosi e nei tumori mammari in stadio precoce. Gli innovatori sono sempre dei rompiscatole, ci diceva il professore, perché si fanno delle domande, cercano delle riposte, e così facendo cambiano il modo di vedere le cose. Innovare per andare oltre e per vedere meglio. Questo è il motivo per cui decise di chiamare la Divisione che io dirigo ‘nuovi Farmaci per terapie innovative'”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?