I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Un te’ al giorno diminuisce i rischi di demenza del 50%

Quantificati i benefici dei potenti anti infiammatori contenuti

Pubblicato il 17/03/2017 da Prevenzione a tavola

Bere una tazza di te' al giorno - sia esso nero o verde o di altre varieta' - dimezzerebbe i rischi di demenza senile del 50%. Dopo il caffe' e' ora la volta de te' per la prevenzione. Ed addirittura dell'86% tra chi e' portatore di una mutazione genetica che favorisce i disturbi del declino mentale: si tratta del gene APOE, che nella variante dell''allele E4', sembra favorire lo sviluppo dell'Alzheimer. Ad osservare la marcata riduzione dei casi di demenza mentale tra i consumatori abituali di te' e' un nuovo studio dell'universita' di Singapore condotto da Feng Lei.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO : Vino rosso e tè verde, alleati della prevenzione e della terapia del tumore

Il team di ricercatori - che oggi ha rilasciato un comunicato stampa sui dati emersi dall'indagine - ha seguito la salute di 957 individui dai 55 anni in su' per 7 anni. Dividendoli in due gruppi: i portatori della variante genica ed i non-portatori. Lo studio ha tenuto conto di altre' condizioni della salute e degli stili di vita dei partecipanti. Ma i dati son risultati chiari: il rischio di demenza e' dimezzato nei bevitori quotidiani di te' e scende dell'86% tra i portatori del gene alterato. Pubblicata sulla rivista Usa 'Journal of Nutrition, Health and Aging', la indagine individuerebbe nelle catechine e nei flavonoidi presenti nelle foglie del te' potenti sostanze anti-infiammatorie che proteggerebbero il cervello. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti

La salsa di pomodoro cotta fa bene all’intestino

Nuovo studio: Aumenta l'effetto dei batteri buoni

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta