I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dieta, sport e farmaci per guarire dal diabete

Ricerca pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism

Pubblicato il 16/03/2017 da Prevenzione a tavola

Il diabete si può guarire definitivamente con una terapia d'urto basata su cambiamenti di stile di vita, un regime ben definito di attività fisica e dieta unitamente a farmaci per bocca e insulina da assumere la sera per 8-16 settimane. Dopo questa cura d'urto la malattia va in remissione completa e il paziente può smettere di prendere farmaci, pur dovendo continuare a mantenere stili di vita irreprensibili.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Le prugne secche sono un rimedio anti diabete

È la promessa che arriva dalla ricerca coordinata da Natalia McInnes, della McMaster University a Hamilton, Canada, e pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. Già in passato i ricercatori hanno firmato studi simili in cui si cercava, con cambiamenti di stile di vita, di ottenere la remissione completa del diabete - che allo stato attuale resta una malattia cronica da gestire con farmaci da prendere per tutta la vita.

LEGGI ANCHE: Diabete: olio d’oliva riduce aumento glicemia dopo i pasti

Gli esperti hanno provato la loro terapia d'urto su oltre 80 pazienti diabetici dividendoli in due gruppi, il primo che doveva seguirla per otto, il secondo per 16 settimane. Alla fine di questo periodo il 40% dei soggetti coinvolti ha potuto sospendere completamente i farmaci dimostrando a tutti i test oggi in uso clinico di non avere più il diabete. L'assenza di malattia perdura per parecchi mesi dalla conclusione della terapia. Si tratta di una strada promettente, che potrebbe davvero cambiare il volto di una malattia cronica che colpisce sempre più persone e sempre più in giovane età nel mondo. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo