I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Olio extravergine italiano: taroccata una bottiglia su due

Lo sostiene l’indagine della trasmissione Mi manda Rai3

Pubblicato il 06/03/2017 da Prevenzione a tavola

Scrivono garantito 100% italiano, ma attenzione perché una bottiglia su due di olio extravergine è taroccata. Lo sostiene l’indagine della trasmissione Mi manda Rai3 di Salvo Sottile ripresa da Barbara Cataldi sull’edizione cartacea del Fatto Quotidiano di oggi, lunedì 6 marzo. Inchiesta che si basa sull’analisi del contenuto di 20 confezioni. Esito: solo il 50% è prodotto con olive italiane e quelle pienamente aderenti a quanto dichiarato in etichetta non superano le 6 unità.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO: Come riconoscere un buon olio extravergine d’oliva?

Impossibile risalire all’origine di alcuni elementi

Le olive importate dall’estero arrivato soprattutto da Nord Africa, Medio Oriente, Turchia, Spagna e Grecia. Nel caso di prodotti Dop e Igp, poi la percentuale della presenza straniera sale a 4 campioni su 5. In un caso, inoltre, non è stato possibile identificare dal punto di vista genetico uno degli oli usato, probabilmente perché alterato dal punto di vista chimico.

Un business vertiginoso

Si conferma così quanto già emerso dalle indagini della magistratura su marchi venduti in media sopra i 10 euro al litro (si va dai 5,9 ai 15,85) e un business dalle dimensioni notevoli perché sono 520.000 le tonnellate di prodotto grezzo importato. Queste si sommano alle 720.000 prodotte in Italia mentre le olive consumate sono 850.000. Le restanti 130.000 tonnellate di olive sono non tracciate, vecchie o illegali. E tutto finisce sul mercato con un consumo medio all’anno di 11 litri a consumatore. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Corsi - Prevenzione a tavola

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande

Funghi, mantengono giovane il cervello e contrastano la demenza

Lo afferma uno studio pubblicato su Journal of Alzheimer's Disease. Ecco quanti grammi a settimana ne servono.

Berrino, ecco cosa non mangiare per vivere in salute

L'ampiezza del girovita rivela un alto rischio di ammalarsi

Il tè verde migliora la salute intestinale e contrasta l’obesità

Il tè verde incoraggia la crescita di buoni batteri intestinali, e che porta a una serie di benefici che riducono significativamente il rischio di obesità