I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pressione, tenere la “massima” entro 120 mmHG per cuore più protetto

È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Circulation

Pubblicato il 27/02/2017 da Prevenzione a tavola

Se la pressione sistolica resta al di sotto dei 120 millimetri di mercurio (mmHg), il rischio di eventi cardiovascolari si abbassa. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Circulation dai ricercatori statunitensi coordinati da Richard Cooper del Loyola Medical Center di Maywood. Secondo gli esperti, tuttavia, un livello pressorio troppo basso potrebbe anche arrecare alcuni effetti collaterali, come insufficienza renale e squilibri elettrolitici.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: I cibi che contrastano la pressione alta

Gli autori hanno utilizzato i criteri utilizzati da Sprint (Systolic Blood Pressure Intervention Trial), uno  studio che aveva dimostrato che ridurre la pressione sanguigna sistolica da 140 mmHg – valore ritenuto “nella norma” negli Stati Uniti - a120 mmHg – valore che in Italia viene indicato come “soglia massima da non superare” -, potrebbe ridurre del 27% il rischio di ictus, infarto e mortalità per disturbi cardiovascolari. Nello specifico, gli scienziati hanno utilizzato questi parametri per analizzare i dati raccolti tra il 1999 e il 2006 dal National Health and Nutrition Examination Survey, concentrandosi, in particolare, su circa 2.000 persone di entrambi i sessi, che avevano un'età media di 68,6 anni. I partecipanti, che presentavano un tasso di mortalità annua pari al 2,2%, rispondevano ai criteri d'inclusione dell'indagine Sprint: età pari o superiore a 50 anni e pressione sistolica compresa tra 130 e 180 mmHg.

Al termine della ricerca, gli autori hanno osservato che ridurre la pressione sanguigna della popolazione fino a 120 mmHg potrebbe salvare la vita di 107.500 cittadini ogni anno. Inoltre, potrebbe prevenire 46.100 casi di arresto cardiaco. Tuttavia, secondo gli esperti, questa eventualità potrebbe anche produrre effetti collaterali: potrebbe causare 56.100 episodi di ipotensione,34.400 sincopi, 43.400 eventi di squilibri elettrolitici gravi e 88.700 casi d'insufficienza renale acuta all'anno. Alla luce di questi risultati, gli autori ritengono che per conciliare rischi e vantaggi dell'abbassamento della pressione sanguigna, potrebbe essere opportuno mantenerla introno ai 130 mmHg.

“Negli Stati Uniti il rischio di sviluppare l'ipertensione nel corso della vita è pari a circa l’80% - osserva Cooper -. La gestione ottimale della pressione rappresenta uno dei più significativi contributi forniti dalla medicina alla sopravvivenza dei pazienti. Occorre quindi comprendere che anche piccoli miglioramenti nella gestione individuale possono avere un grande impatto sulla salute delle persone”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande