I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mille euro in busta paga a chi smette di fumare

L'iniziativa di un'agenzia di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia

Pubblicato il 21/02/2017 da Prevenzione a tavola

Mille euro in busta paga per chi smette di fumare. È la singolare proposta di un’azienda di comunicazione di Sarezzo, in provincia di Brescia, la Dexanet che nel suo organico conta 21 dipendenti di cui meno di dieci sono fumatori. Un bonus per coloro che decideranno di abbandonare il vizio del fumo. A supporto della campagna condotta ormai da anni sui pacchetti, ho pensato di dare un ulteriore stimolo ai miei ragazzi. L’obiettivo non è certo quello di eliminare la pausa sigaretta, qui sono tutti liberi di autogestirsi. – spiega l’amministratore delegato Loris Garau – semplicemente tengo ai miei collaboratori e alla loro salute”.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO: Ecco cosa si forma nei polmoni dopo aver fumato

L’incentivo aziendale verrà saldato allo scadere del dodicesimo mese passato lontano dalle bionde. Una decisione che porterà benefici al portafogli sia dei singoli dipendenti sia del datore di lavoro e che potrebbe essere da stimolo anche per altre aziende.

Del resto è dimostrato come la pausa sigaretta costi caro alle imprese. Ad esempio nel Regno Unito, secondo i dati della ricerca del British Heart Foundation e del Centre for Economics and Business Research, si perdono ogni anno qualcosa come 8,7 miliardi di sterline (10,5 miliardi di euro). Inoltre i dipendenti da nicotina, che mediamente costituiscono circa il 20% della forza lavoro, hanno quasi un giorno in più di congedo-malattia durante l’anno rispetto ai loro colleghi non fumatori. Tutto questo equivale a 136 ore di produttività perse ogni anno per ciascun tabagista. (Fonte)

LEGGI ANCHE: Fumo, la nostalgia può dare una spinta in più per smettere



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo