I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Pubblicato il 21/02/2017 da Prevenzione a tavola

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute per il trattamento degli infarti. Solo il 51% raggiunge infatti i 100 casi l'anno di infarto miocardico acuto di primo ricovero. Il dato emerge da un'indagine diDoveecomemicuro.it, motore di ricerca che raccoglie i dati di oltre 2.000 tra strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate e territoriali.

"Ormai sono numerose le prove in letteratura - afferma Elena Azzolini, specialista in Sanità pubblica e membro del comitato scientifico del portale Doveecomemicuro.it - che confermano come per molte condizioni cliniche e interventi esista un'associazione tra il volume di attività e l'esito delle cure, in particolar modo in termini di mortalità intra-ospedaliera o a 30 giorni dal ricovero/intervento". Secondo i dati, "la mortalità a 30 giorni si riduce all'aumentare dei volumi di attività ovvero, nell'ambito cardiovascolare, maggiore è il numero di ricoveri per infarto miocardico acuto o di interventi di bypass aorto-coronarico che una struttura esegue - spiega - più alto è il grado di esperienza e la qualità dell'assistenza offerta".

Per quanto riguarda l'infarto miocardico acuto - secondo l'analisi di Doveecomemicuro.it - le strutture più virtuose sono principalmente al Nord (45%), seguono il Sud e le Isole (34%) e il Centro Italia (21%). In particolare si distinguono l'Emilia Romagna, con l'ospedale di Parma e l'Arcispedale Sant'Anna (Cona), e la Campania, con l'ospedale Cardarelli di Napoli.

Considerando la minore mortalità a 30 giorni dal ricovero nel rispetto dei volumi, ecco la classifica stilata da Doveecomemicuro.it: al primo posto l'ospedale Civile di Guastalla (Emilia Romagna), seguito dallo Stabilimento San Bartolomeo di Sarzana (Liguria), l'ospedale di Bentivoglio (Emilia Romagna), l'ospedale Civile San Giovanni di Dio - Frattamaggiore, Napoli (Campania) e l'ospedale Santa Croce - Castelnuovo Garfagnana, Lucca (Toscana).

Prendendo in esame gli interventi di by pass aorto-coronarico la situazione peggiora: il 76% delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate non rispetta i volumi minimi (200 interventi l'anno). A eseguire più operazioni di by-pass sono il San Giovanni di Dio e Ruggi a Salerno (Campania), l'ospedale Borgo Trento a Verona (Veneto), la casa di cura Sant'Anna Hospital di Catanzaro (Calabria). A vantare il minor tasso di mortalità sono Città di Lecce Hospital (Puglia), ospedale di Parma (Emilia Romagna), ospedale Mazzini di Teramo (Abruzzo), casa di cura Sant'Anna Hospital a Catanzaro (Calabria) e Fondazione Gabriele Monasterio, Pisa (Toscana). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore