I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Infarto e cure, 1 struttura su 2 sotto la soglia di sicurezza di 100 casi l’anno

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute

Pubblicato il 21/02/2017 da Prevenzione a tavola

Una struttura sanitaria su due (49%) in Italia non rispetta i volumi minimi di attività fissati dal ministero della Salute per il trattamento degli infarti. Solo il 51% raggiunge infatti i 100 casi l'anno di infarto miocardico acuto di primo ricovero. Il dato emerge da un'indagine diDoveecomemicuro.it, motore di ricerca che raccoglie i dati di oltre 2.000 tra strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate e territoriali.

"Ormai sono numerose le prove in letteratura - afferma Elena Azzolini, specialista in Sanità pubblica e membro del comitato scientifico del portale Doveecomemicuro.it - che confermano come per molte condizioni cliniche e interventi esista un'associazione tra il volume di attività e l'esito delle cure, in particolar modo in termini di mortalità intra-ospedaliera o a 30 giorni dal ricovero/intervento". Secondo i dati, "la mortalità a 30 giorni si riduce all'aumentare dei volumi di attività ovvero, nell'ambito cardiovascolare, maggiore è il numero di ricoveri per infarto miocardico acuto o di interventi di bypass aorto-coronarico che una struttura esegue - spiega - più alto è il grado di esperienza e la qualità dell'assistenza offerta".

Per quanto riguarda l'infarto miocardico acuto - secondo l'analisi di Doveecomemicuro.it - le strutture più virtuose sono principalmente al Nord (45%), seguono il Sud e le Isole (34%) e il Centro Italia (21%). In particolare si distinguono l'Emilia Romagna, con l'ospedale di Parma e l'Arcispedale Sant'Anna (Cona), e la Campania, con l'ospedale Cardarelli di Napoli.

Considerando la minore mortalità a 30 giorni dal ricovero nel rispetto dei volumi, ecco la classifica stilata da Doveecomemicuro.it: al primo posto l'ospedale Civile di Guastalla (Emilia Romagna), seguito dallo Stabilimento San Bartolomeo di Sarzana (Liguria), l'ospedale di Bentivoglio (Emilia Romagna), l'ospedale Civile San Giovanni di Dio - Frattamaggiore, Napoli (Campania) e l'ospedale Santa Croce - Castelnuovo Garfagnana, Lucca (Toscana).

Prendendo in esame gli interventi di by pass aorto-coronarico la situazione peggiora: il 76% delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate non rispetta i volumi minimi (200 interventi l'anno). A eseguire più operazioni di by-pass sono il San Giovanni di Dio e Ruggi a Salerno (Campania), l'ospedale Borgo Trento a Verona (Veneto), la casa di cura Sant'Anna Hospital di Catanzaro (Calabria). A vantare il minor tasso di mortalità sono Città di Lecce Hospital (Puglia), ospedale di Parma (Emilia Romagna), ospedale Mazzini di Teramo (Abruzzo), casa di cura Sant'Anna Hospital a Catanzaro (Calabria) e Fondazione Gabriele Monasterio, Pisa (Toscana). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute