I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa succede al nostro cervello quando beviamo caffè

Un professore ha analizzato il proprio cervello per 18 mesi sottoponendosi a risonanza magnetica funzionale per due giorni a settimana

Pubblicato il 16/02/2017 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Come spesso accade durante uno studio scientifico, i ricercatori della Stanford University si sono trovati di fronte ad una scoperta imprevista. Sembrerebbe infatti che il nostro cervello sia in grado di “riorganizzarsi” quando non assume caffeina che in pratica riuscirebbe ad influenzarne la connettività. Lo studio, intitolato “Long-term neural and physiological phenotyping of a single human” e pubblicato su Nature Communications, è stato effettuato sul professor Poldrack il cui cervello ad oggi è considerato il più studiato della storia.

IN ALTO I BENEFICI DEL CAFFE' SUL NOSTRO CORPO

Per 18 mesi infatti il professore ha sottoposto il proprio cervello a risonanza magnetica funzionale (MRI) per 10 minuti due volte a settimana, il martedì e il giovedì. L'idea di base era riuscire a seguire l'attività di un unico cervello visto che fino a questo momento i dati raccolti che ci permettevano di conoscere il funzionamento di questo organi erano limitati all'unione di più radiografie effettuate su diversi soggetti. Per avere maggiori informazioni e per decifrare le connessioni tra la funzione cerebrale e l'espressione genetica, il professore ha deciso di digiunare e farsi analizzare il sangue il martedì. Questa scelta ha permesso ai ricercatori di notare che il cervello agiva diversamente quando era a corto di caffè, soprattutto sulle parti di cervello coinvolte nella visione e nel movimento.

E non è tutto. I ricercatori hanno notato una stretta correlazione anche tra l'attività del cervello e i diversi geni che si esprimevano, nello specifico hanno scoperto che quelli riguardanti le infiammazioni e la risposta del sistema immunitario corrispondevano all'insorgere degli episodi di psoriasi di cui soffriva il professore.

Secondo Poldrack il funzionamento del suo cervello non è da considerarsi valido per tutti i cervelli, che invece differiscono tra loro, ma è un buon punto di partenza per capire meglio cosa accada nel cervello dei pazienti che soffrono di malattie neuro degenerative, per questo ha messo a disposizione della comunità scientifica i dati che ha raccolto. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti