I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

In che consiste la Rinoplastica, o chirurgia del naso?

Parliamo di una delle procedure più comuni in chirurgia plastica/estetica

Pubblicato il 14/02/2017 da Post Sponsorizzato

Che cosa è la rinoplastica?

La rinoplastica o chirurgia del naso è una delle procedure più comuni in chirurgia plastica/estetica, che mira a realizzare un naso armonioso di forma e dimensione proporzionate al viso del paziente.

Più specificamente, questo intervento permette:

• Ridurre o rimodellare il naso.

• Cambiare la forma della punta del naso o del ponte.

• Rimodellare le narici.

• Modificare l’angolo tra il naso e il labbro superiore.

Chi si sottopone a questo tipo d’intervento lo fa perché spesso le dimensioni o la forma del naso possono causare problemi, non solo esteticamente parlando, ma anche a livelli di salute. Pertanto, in alcuni casi, la chirurgia plastica può essere associata a una modificazione del setto nasale, per migliorare la respirazione o le difficoltà fisiche del soggetto che vi si presta; in qìtal caso si parla di settoplastica.

Quali sono le tecniche utilizzate?

La rinoplastica può essere eseguita utilizzando due tecniche:

• La prima tecnica è quella tradizionalmente più riconosciuta e comune; si effettua all’interno del naso mediante una semplice incisione delle narici. In questo caso la cicatrice rimane all’interno, quindi non è visibile a tutti, e dopo poche settimane è appena percettibile.

• La seconda tecnica è quella che si applica nei casi più complessi, quando si opta per una procedura “aperta” che comporta il sollevamento della pelle attraverso un’incisione del tessuto verticale (la parte laterale del naso) per separarlo dalla struttura dell’osso e della cartilagine che è supportato. Questo viene fatto per consentire di “scolpire” il naso nella forma desiderata. Tale metodo consente un risultato  più facile da prevedibile rispetto a alla tecnico chiusa, che si effettua dall’interno.

Dopo l’intervento chirurgico, il medico applica una stecca o “tavoletta” esterna per tenere la struttura ossea appena ricostruita ferma, lo fa per mantenere il naso nella posizione desiderata durante il processo di consolidamento. Altrettante “tavolette” o stecche di plastica morbida verranno posizionate per stabilizzare la posizione del setto nasale (nella parete divisoria tra i passaggi d’aria della narice destra e sinistra). Trascorsa una settimana, o alle volte un paio, il chirurgo dovrebbe ritirare tutte le tavolette, stecche e punti di sutura messi precedentemente. Per maggiori informazioni in merito a risultati e costi della rinoplastica visita Guidaestetica.it

Durata dell’operazione

La Rinoplastica dura circa un’ora, ma il tempo può variare a seconda del tipo di anatomia da correggere.

Di solito è eseguita “ambulatorialmente”, ossia senza bisogno di ricoverare il paziente anche se si sottopone ad un’anestesia generale, per essere controllare in ogni momento la funzione respiratoria.

I risultati della rinoplastica:

Mentre l’esito dell’operazione si accerta immediatamente,il risultato finale si constata solamente parecchi mesi dopo, poiché durante questo periodo di recupero posso causarsi qualche infiammazione nasale, che può persistere per qualche settimana.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dei Muffin alle carote con mandorle

Squisiti per merenda o per colazione, ma anche come dolcetto da gustare dopo cena guardando un film. Senza farine né zuccheri raffinati, naturalmente dolce

Abbuffarsi: ecco come vivere fino a 100 anni in salute

Lo dice la scienza

Ricetta: Alghe Hijiki con verdure all’aceto di riso (o di vino)

La Hijiki è un'alga bruna che proviene dall'Estremo Oriente, con particolari proprietà rimineralizzanti, cicatrizzanti e ipocolesterolemizzanti

Ricetta: Zeppole con farina di ceci e fiocchi di alghe nori

Avete mai mangiato le alghe? Ecco una ricetta invitante e veloce per inserirle nella vostra alimentazione

Il ruolo del cibo sul Coronavirus

Quanto è importante in questo momento, quanto influisce sulla possibilità di ridurre il contagio e quanto impatta sulla prognosi di una persona che ha contratto il Covid-19

Corsi - Prevenzione a tavola

Spiedini di cavoletti con carote all’aceto balsamico

Ecco a voi i miei spiedini in pastella nella versione senza glutine. Un mondo creativo e gustoso per far mangiare le verdure anche ai bambini

Troppo sale in cucina riduce le difese immunitarie

E quindi abbatte la capacità del nostro organismo di contrastare le infezioni batteriche, e in questo periodo non è proprio il massimo

Cannellini con cipolle di Tropea marinata

Un piatto a base di legumi, semplice, sano e gustoso

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli alimenti più ricchi di Vitamina C, oltre agli agrumi

Non solo arance, mandarini e limoni: ecco tutti gli alimenti che contengono vitamina C, indispensabile per rafforzare il nostro sistema immunitario

Bergamotto, l’agrume che combatte stress e colesterolo

Studio Università di Tor Vergata conferma 'frutto della salute'

Come preparare le Crêpes di farina di lenticchie rosse

Una ricetta semplice e veloce a base di legumi, nutrienti fondamentali per il funzionamento del nostro sistema immunitario

Gnocchi d’orzo: Marraconis de orgiu

Dalla civiltà sarda rurale, ecco una ricetta antica a base di cereali, fondamentali per un'alimentazione sana ed equilibrata

La ricetta dei Tortelli di ceci

Come preparare i tortelli di ceci, un piatto squisito e sano a base di legumi, fondamentali per la salute del nostro organismo

Diverticoli e diverticolite: cosa mangiare e da cosa tenersi lontani

Per prevenire la diverticolosi, ma anche per evitare l’infiammazione di diverticoli già presenti e quindi l’insorgenza di diverticolite, alcuni alimenti sono più indicati di altri

Il cuore è a rischio mangiando un uovo al giorno?

La risposta arriva da un grande studio pubblicato sul British Medical Journal che finalmente sembra mettere un punto alla questione del colesterolo contenuto nelle uova