I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Meningite, 1 persona su 10 è portatore sano

Il 10% della popolazione può essere in ogni momento portatore sano di meningococco

Pubblicato il 08/02/2017 da Prevenzione a tavola

Il 10% della popolazione può essere in ogni momento portatore sano di meningococco, ed è probabile che ciascuno di noi 'ospiti' il batterio almeno per un periodo della vita. E' quanto emerso nel corso degli 'Stati generali sulla meningite', organizzati dalla Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), l'Istituto superiore di sanità e il ministero della Salute, oggi a Roma, per fare il punto sulla malattia meningococcica invasiva (Mmi).

"La grande paura delle scorse settimane - sottolinea Massimo Galli, vicepresidente Simit e professore ordinario di Malattie infettive all'Università di Milano - è ingiustificata perché il 10-20% della popolazione 'porta' il meningococco in gola. La maggior parte delle persone lo ha avuto almeno una volta nella vita. Non sono batteri cattivi - aggiunge - diventano tali sono in una persona su mille di quelle che lo portano. Probabilmente la causa sono fattori genetici", ma ad oggi "non abbiamo un identikit su chi può essere interessato da una forma acuta, quindi bisogna fare prevenzione attraverso i vaccini".

I tassi di trasmissione e di carriage (stato di portatore), spiegano gli esperti, aumentano nelle comunità, soprattutto di giovani (caserme, collegi) e nelle persone entrate in contatto con casi di malattia meningococcica. Nei Paesi ad alto reddito il carriage è più frequente negli adolescenti e nei giovani (prevalentemente tra gli 11 e i 20 anni) ed è favorito da infezioni respiratorie concomitanti, dal fumo di sigarette, da condizioni di sovraffollamento, dal bacio.

La stima è che si possa verificare un caso di malattia meningococcica invasiva ogni mille portatori. Quanto ai numeri, i casi di meningite meningococcica invasiva che vengono segnalati ogni anno in Italia sono circa 200, senza variazioni significative negli ultimi anni, con un’incidenza annuale tra gli 0,2 e gli 0,3 casi per 100 mila abitanti. L'incidenza è maggiore nei bambini al di sotto dell'anno di vita (oltre 4 casi per 100 mila in questa fascia d'età). Più del 50% dei casi è causato soprattutto nei bambini piccoli dal siero gruppo B. Il secondo più frequentemente è il siero gruppo C, rispetto al quale dal 2015 in Toscana si è osservato un incremento inusuale di casi invasivi. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo