I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangi male? Ecco 7 segnali per scoprirlo

Ma che succede se si assumono troppe proteine?

Pubblicato il 07/02/2017 da Prevenzione a tavola

Le proteine sono una parte fondamentale di una dieta ben equilibrata perché aiutano ad avere energia, costruire e i riparare i muscoli, rafforzare le difese immunitari, oltre ad avere delle funzioni vitali per il nostro organismo. Ma che succede se si assumono troppe proteine? Si può andare incontro a sbalzi di umore, si può ingrassare, ci si può sentire stanchi. "Le proteine sono composte di aminoacidi, che sono gli architravi dei tessuti, inclusi i muscoli, i vasi sanguigni, i capelli, la pelle e le unghie - spiega al 'Reader's Digest la nutrizionista Kaleigh McMordie - ci sono alcuni aminoacidi che il corpo riesce a sintetizzare ma altri che devono essere inclusi nella propria dieta, una varietà di fonti proteiche che consentono di avere tutti gli aminoacidi essenziali, specialmente per i vegetariani".

Ci sono diversi elementi per capire quale sia il fabbisogno proteico giornaliero, come ad esempio quanto sudore viene prodotto e il funzionamento dell'apparato digerente. Detto questo, esistono comunque delle linee guida generali: "La dose giornaliera raccomandata di proteine varia dai 50 ai 62 grammi di proteine al giorno - suggerisce McMordie - questa dose previene le carenze proteiche". Ma che succede se si assumono troppe proteine? L'organismo, spiega la nutrizionista, invia segnali precisi, che possono riassumersi in 7 punti.

1 - Essere di cattivo umore. Se vi capita spesso di avere il morale a terra, questo potrebbe dipendere da una dose eccessiva di proteine introdotte nella propria dieta. Assumerne troppe può voler dire che non si stanno mangiando abbastanza carboidrati. Una soluzione al problema potrebbe essere capire se stiamo sostituendo troppi carboidrati con proteine. Ciò non significa abbuffarsi con pizza o pane per far risalire l'umore, ma preferire carboidrati complessi come frutta, yogurt, riso integrale e avena.

2 - Avere il cervello annebbiato. Sentirsi stanchi e affaticati durante il pomeriggio può significare che l'organismo sta assumendo troppe proteine e che si sta riducendo la dose giornaliera di carboidrati. La sensazione di avere la mente 'annebbiata' è causata da un deficit di zuccheri, che dà al cervello l'impressione di 'contrarsi'. "I carboidrati costituiscono la fonte principale di energia per il cervello - evidenzia la nutrizionista - e se non ne vengono assunti abbastanza diventa difficile trovare concentrazione". Una soluzione può essere fare spuntini sani tra il pranzo e la cena. Questo permette di sentirsi sazi, senza per questo essere 'annebbiati'.

3 - Arrabbiarsi. Quando passa troppo tempo tra un pasto e l'altro, si può avere la sensazione di perdere la pazienza. Per McMordie ciò significa che l'organismo sta assumendo troppo proteine. "Senza abbastanza carboidrati - sottolinea la nutrizionista - il livello di zucchero nel sangue crolla e non viene prodotta abbastanza serotonina, facendoci sentire arrabbiati". Se si ha questa sensazione, McMordie suggerisce di mangiare uno snack, come yogurt greco e frutti di bosco, formaggio e frutta, oppure hummus e cracker integrali. Questo permette non solo di stabilizzare l'umore, ma anche di regolare il livello di zuccheri nel sangue.

4 - Ingrassare. Se è vero che una dieta a base proteica aiuta a tenere a bada la fame, non si può negare che chi la segue rischia di ottenere l'effetto contrario, ossia prendere peso. "Questo è vero soprattutto se si assumono troppe proteine animali o si bevono troppi frullati proteici - avverte McMordie - la carne ha spesso grassi e calorie extra, mentre alcuni frullati proteici sono ricchi di zuccheri aggiunti che ne migliorano il sapore. Nel tempo, un eccesso di calorie, non importa se derivanti da grassi, zuccheri o proteine, può causare un aumento di peso". Per una dieta più bilanciata occorre includere proteine magre, cereali, frutta e verdura.

5 - Stitichezza. Se si assumono troppe proteine, l'organismo ha difficoltà a digerire e l'intestino fa fatica a restare regolare. "Se si sostituiscono troppi alimenti con le proteine, può verificarsi una carenza di fibre da verdure e cereali - rimarca la nutrizionista - Le fibre sono importanti per la digestione e la regolarità, se non se ne assumono abbastanza possono verificarsi problemi di digestione e costipazione". Il suggerimento? Assumere almeno 25 grammi di fibre al giorno da cibi come cereali integrali (avena e quinoa), verdura e frutta.

6 - Avere sempre sete. Un altro segnale che l'organismo sta assumendo troppe proteine è il costante desiderio di bere. Un eccesso di proteine può causare una leggera forma di disidratazione. "La disidratazione è causata dallo smaltimento, da parte dei reni, di proteine in eccesso - spiega lo chef Ken Immer - questo provoca un bisogno frequente di urinare, una leggera disidratazione e per chi ne è predisposto, la formazione di calcoli renali".

7 - Avere l'alito cattivo. Non solo mangiare troppa carne fa sudare di più, ma provoca anche l'alito cattivo. "Quando il corpo è in riserva di carboidrati - chiosa McMordie - usa il grasso come se fosse combustibile, producendo chetoni, che posso dare all'alito uno spiacevole odore di acetone". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Corsi - Prevenzione a tavola

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Corsi - Prevenzione a tavola

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali