I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangi male? Ecco 7 segnali per scoprirlo

Ma che succede se si assumono troppe proteine?

Pubblicato il 07/02/2017 da Prevenzione a tavola

Le proteine sono una parte fondamentale di una dieta ben equilibrata perché aiutano ad avere energia, costruire e i riparare i muscoli, rafforzare le difese immunitari, oltre ad avere delle funzioni vitali per il nostro organismo. Ma che succede se si assumono troppe proteine? Si può andare incontro a sbalzi di umore, si può ingrassare, ci si può sentire stanchi. "Le proteine sono composte di aminoacidi, che sono gli architravi dei tessuti, inclusi i muscoli, i vasi sanguigni, i capelli, la pelle e le unghie - spiega al 'Reader's Digest la nutrizionista Kaleigh McMordie - ci sono alcuni aminoacidi che il corpo riesce a sintetizzare ma altri che devono essere inclusi nella propria dieta, una varietà di fonti proteiche che consentono di avere tutti gli aminoacidi essenziali, specialmente per i vegetariani".

Ci sono diversi elementi per capire quale sia il fabbisogno proteico giornaliero, come ad esempio quanto sudore viene prodotto e il funzionamento dell'apparato digerente. Detto questo, esistono comunque delle linee guida generali: "La dose giornaliera raccomandata di proteine varia dai 50 ai 62 grammi di proteine al giorno - suggerisce McMordie - questa dose previene le carenze proteiche". Ma che succede se si assumono troppe proteine? L'organismo, spiega la nutrizionista, invia segnali precisi, che possono riassumersi in 7 punti.

1 - Essere di cattivo umore. Se vi capita spesso di avere il morale a terra, questo potrebbe dipendere da una dose eccessiva di proteine introdotte nella propria dieta. Assumerne troppe può voler dire che non si stanno mangiando abbastanza carboidrati. Una soluzione al problema potrebbe essere capire se stiamo sostituendo troppi carboidrati con proteine. Ciò non significa abbuffarsi con pizza o pane per far risalire l'umore, ma preferire carboidrati complessi come frutta, yogurt, riso integrale e avena.

2 - Avere il cervello annebbiato. Sentirsi stanchi e affaticati durante il pomeriggio può significare che l'organismo sta assumendo troppe proteine e che si sta riducendo la dose giornaliera di carboidrati. La sensazione di avere la mente 'annebbiata' è causata da un deficit di zuccheri, che dà al cervello l'impressione di 'contrarsi'. "I carboidrati costituiscono la fonte principale di energia per il cervello - evidenzia la nutrizionista - e se non ne vengono assunti abbastanza diventa difficile trovare concentrazione". Una soluzione può essere fare spuntini sani tra il pranzo e la cena. Questo permette di sentirsi sazi, senza per questo essere 'annebbiati'.

3 - Arrabbiarsi. Quando passa troppo tempo tra un pasto e l'altro, si può avere la sensazione di perdere la pazienza. Per McMordie ciò significa che l'organismo sta assumendo troppo proteine. "Senza abbastanza carboidrati - sottolinea la nutrizionista - il livello di zucchero nel sangue crolla e non viene prodotta abbastanza serotonina, facendoci sentire arrabbiati". Se si ha questa sensazione, McMordie suggerisce di mangiare uno snack, come yogurt greco e frutti di bosco, formaggio e frutta, oppure hummus e cracker integrali. Questo permette non solo di stabilizzare l'umore, ma anche di regolare il livello di zuccheri nel sangue.

4 - Ingrassare. Se è vero che una dieta a base proteica aiuta a tenere a bada la fame, non si può negare che chi la segue rischia di ottenere l'effetto contrario, ossia prendere peso. "Questo è vero soprattutto se si assumono troppe proteine animali o si bevono troppi frullati proteici - avverte McMordie - la carne ha spesso grassi e calorie extra, mentre alcuni frullati proteici sono ricchi di zuccheri aggiunti che ne migliorano il sapore. Nel tempo, un eccesso di calorie, non importa se derivanti da grassi, zuccheri o proteine, può causare un aumento di peso". Per una dieta più bilanciata occorre includere proteine magre, cereali, frutta e verdura.

5 - Stitichezza. Se si assumono troppe proteine, l'organismo ha difficoltà a digerire e l'intestino fa fatica a restare regolare. "Se si sostituiscono troppi alimenti con le proteine, può verificarsi una carenza di fibre da verdure e cereali - rimarca la nutrizionista - Le fibre sono importanti per la digestione e la regolarità, se non se ne assumono abbastanza possono verificarsi problemi di digestione e costipazione". Il suggerimento? Assumere almeno 25 grammi di fibre al giorno da cibi come cereali integrali (avena e quinoa), verdura e frutta.

6 - Avere sempre sete. Un altro segnale che l'organismo sta assumendo troppe proteine è il costante desiderio di bere. Un eccesso di proteine può causare una leggera forma di disidratazione. "La disidratazione è causata dallo smaltimento, da parte dei reni, di proteine in eccesso - spiega lo chef Ken Immer - questo provoca un bisogno frequente di urinare, una leggera disidratazione e per chi ne è predisposto, la formazione di calcoli renali".

7 - Avere l'alito cattivo. Non solo mangiare troppa carne fa sudare di più, ma provoca anche l'alito cattivo. "Quando il corpo è in riserva di carboidrati - chiosa McMordie - usa il grasso come se fosse combustibile, producendo chetoni, che posso dare all'alito uno spiacevole odore di acetone". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente