I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Attività fisica, bastano 20 minuti per “spegnere” l’infiammazione

Meno di mezz’ora per tenere sotto controllo gli stati infiammatori

Pubblicato il 30/01/2017 da Prevenzione a tavola

Bastano 20 minuti di attività fisica moderata per “spegnere” l’infiammazione. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Brain, behavior and immunity dai ricercatori dell’Università della California di San Diego (Stati Uniti), secondo cui lo sport attiva il sistema immunitario, spingendolo a produrre una risposta anti-infiammatoria. "Ogni volta che ci alleniamo, arrechiamo benefici al nostro corpo sotto diversi punti di vista, anche a livello delle cellule immunitarie - spiega Suzi Hong, che ha coordinato lo studio -. Gli effetti anti-infiammatori dell’esercizio fisico erano già noti, ma scoprire il meccanismo alla base di questo fenomeno può aiutare a massimizzare i benefici ottenuti”.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: L’alimentazione corretta dopo l’esercizio fisico

La ricerca ha coinvolto 47 individui sani, che sono stati incaricati di camminare su un tapis roulant per 20 minuti. I ricercatori hanno regolato il livello d’intensità del macchinario sulla base della forma fisica di ciascun soggetto. Inoltre, hanno prelevato un campione di sangue da tutti i partecipanti prima e dopo l’esercizio fisico.

Al termine dell’esperimento, è emerso che l’attività fisica aveva stimolato l’attivazione del sistema immunitario, che aveva reagito scatenando una risposta anti-infimmatoria. Di conseguenza, questo processo aveva determinato la riduzione del livello d’infiammazione in tutti i volontari. Secondo gli esperti, i risultati dimostrano quindi che per contrastare gli stati infiammatori non serve allenarsi tanto e a lungo, può essere sufficiente camminare a ritmo sostenuto per meno di mezz’ora.

"Il nostro studio dimostra che una sessione di allenamento non dev’essere intensa per produrre effetti anti-infiammatori – osserva la dottoressa Hong -. Da venti minuti a mezz’ora di attività fisica moderata, come camminare a ritmo sostenuto, potrebbero essere sufficienti. Le persone affette da malattie infiammatorie croniche dovrebbero sempre consultare il proprio medico per conoscere il piano terapeutico più appropriato per la loro condizione, ma sapere che l'esercizio fisico potrebbe agire come un anti-infiammatorio rappresenta un eccitante passo avanti”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Corsi - Prevenzione a tavola

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze

Corsi - Prevenzione a tavola

Come preparare il succo d’anguria in 1 minuto

Un'idea geniale e rinfrescante per questi giorni di caldo

Scottature al sole: i cibi che aumentano il rischio

Per proteggersi dalle scottature non basta mettere la crema, ma anche evitare alcuni alimenti

Alla scoperta della merendella, la deliziosa pesca calabrese

Incrocio tra pesca e mela, la merendella ha trovato in Calabria (e in alcune zone della Sicilia) il suo habitat naturale

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Più tazzine di caffè non aumentano il rischio di cancro, ma cuore a rischio

E' quanto emerge da due studi vasti australiani

Ricotta di bufala: alimento anti-caldo, ricca di calcio e fosforo

Utile nel recupero dell'equilibrio energetico e per il reintegro dei sali minerali

Le bibite zuccherate potrebbero aumentare il rischio di cancro

Che fossero legate a diabete e obesità già lo si sapeva, ma adesso un motivo in più per non farne uso