I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Trigliceridi alti: come ridurli con lo stile di vita

L'alimentazione, come sempre, gioca un ruolo fondamentale

Pubblicato il 27/01/2017 da Prevenzione a tavola

Eccessi alimentari e problemi metabolici possono mettere in pericolo la salute cardiovascolare in diversi modi. Fra i loro effetti è incluso l'aumento dei livelli ditrigliceridi, i grassi più comuni fra quelli presenti nell'organismo. Le loro concentrazioni ematiche non dovrebbero superare i 150 mg per decilitro di sangue; in caso contrario a rimetterci è proprio la salute di cuore e arterie. Come tenerle sotto controllo?

GUARDA IL VIDEO IN ALTO: Come ridurre naturalmente il colesterolo e i trigliceridi nel sangue

Proprio perché i livelli di trigliceridi nell'organismo dipendono da ciò che si mangia, un'alimentazione adeguata può aiutare a tenerli a bada. Il primo aspetto cui fare attenzione è l'apporto calorico quotidiano. Infatti assumere con cibi e bevande più energie rispetto a quelle che si consumano durante la giornata fa aumentare i trigliceridi, mentre ridurre le calorie di origine alimentare li fa diminuire. Chi è in sovrappeso farebbe anche bene a dimagrire: perdere il 5-10% del peso iniziale può farli scendere anche del 20%. Da questo punto di vista c'è un altro aspetto dello stile di vita che può aiutare a ridurli: l'attività fisica praticata. Infatti muovendosi di più si bruciano più energie, che possono essere attinte proprio dai trigliceridi presenti nell'organismo. I benefici dell'esercizio variano però a seconda dei loro livelli iniziali, di quanta attività fisica si pratica e dalla sua intensità. In generale, gli esperti di salute cardiovascolare raccomandano di praticare ogni giorno, per almeno 5 giorni alla settimana, almeno 30 minuti di attività di tipo aerobico (come camminare a passo svelto).

Per quanto riguarda l'alimentazione più nello specifico, i nutrienti cui fare attenzione sono sia i grassi che i carboidrati. Fra i primi sono da preferire quelli insaturi, meglio ancora se polinsaturi (come gli omega 3 di pesci quali il salmone e lo sgombro o i semi di lino). E' meglio, invece, evitare un eccesso di grassi saturi, abbondanti in alcuni oli tropicali (come quello di cocco e quello di palma) e in alcuni prodotti di origine animale, fra cui dovrebbero essere preferiti il pollame senza pelle, i latticini a basso contenuto o privi di grassi e i tagli di carne più magri. Anche i frutti di mare possono essere una buona scelta, mentre è bene evitare il più possibile i grassi trans che possono formarsi durante la frittura e che possono essere presenti in alcuni prodotti da forno.

Fra i carboidrati è invece importante fare attenzione agli zuccheri semplici. Fra i più pericolosi è incluso il fruttosio, noto proprio per la sua capacità di far aumentare i trigliceridi; non bisogna però nemmeno esagerare con lo zucchero da tavola (sia bianco che scuro, entrambi corrispondenti a saccarosio), con il glucosio, il maltosio e il lattosio. Inoltre è bene limitare più in generale l'assunzione di carboidrati a non più del 60% delle calorie quotidiane, quota oltre la quale è stata osservata un'associazione con l'aumento dei livelli di trigliceridi.

Infine, è bene astenersi dal consumo di alcolici. Infatti in alcune persone l'alcol esercita un effetto diretto sui livelli di trigliceridi.

Con questi semplici accorgimenti è possibile ridurre il rischio che il cuore venga messo in pericolo dai trigliceridi. Non bisogna però dimenticare che le cause di ipertrigliceridemia possono essere anche altre; alla sua base potrebbe ad esempio esserci l'assunzione di alcuni farmaci, oppure il diabete di tipo 2. Per questo per sapere come affrontare la propria situazione nel modo più adatto è bene consultarsi con il proprio medico. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla