I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Trigliceridi alti: come ridurli con lo stile di vita

L'alimentazione, come sempre, gioca un ruolo fondamentale

Pubblicato il 27/01/2017 da Prevenzione a tavola

Eccessi alimentari e problemi metabolici possono mettere in pericolo la salute cardiovascolare in diversi modi. Fra i loro effetti è incluso l'aumento dei livelli ditrigliceridi, i grassi più comuni fra quelli presenti nell'organismo. Le loro concentrazioni ematiche non dovrebbero superare i 150 mg per decilitro di sangue; in caso contrario a rimetterci è proprio la salute di cuore e arterie. Come tenerle sotto controllo?

GUARDA IL VIDEO IN ALTO: Come ridurre naturalmente il colesterolo e i trigliceridi nel sangue

Proprio perché i livelli di trigliceridi nell'organismo dipendono da ciò che si mangia, un'alimentazione adeguata può aiutare a tenerli a bada. Il primo aspetto cui fare attenzione è l'apporto calorico quotidiano. Infatti assumere con cibi e bevande più energie rispetto a quelle che si consumano durante la giornata fa aumentare i trigliceridi, mentre ridurre le calorie di origine alimentare li fa diminuire. Chi è in sovrappeso farebbe anche bene a dimagrire: perdere il 5-10% del peso iniziale può farli scendere anche del 20%. Da questo punto di vista c'è un altro aspetto dello stile di vita che può aiutare a ridurli: l'attività fisica praticata. Infatti muovendosi di più si bruciano più energie, che possono essere attinte proprio dai trigliceridi presenti nell'organismo. I benefici dell'esercizio variano però a seconda dei loro livelli iniziali, di quanta attività fisica si pratica e dalla sua intensità. In generale, gli esperti di salute cardiovascolare raccomandano di praticare ogni giorno, per almeno 5 giorni alla settimana, almeno 30 minuti di attività di tipo aerobico (come camminare a passo svelto).

Per quanto riguarda l'alimentazione più nello specifico, i nutrienti cui fare attenzione sono sia i grassi che i carboidrati. Fra i primi sono da preferire quelli insaturi, meglio ancora se polinsaturi (come gli omega 3 di pesci quali il salmone e lo sgombro o i semi di lino). E' meglio, invece, evitare un eccesso di grassi saturi, abbondanti in alcuni oli tropicali (come quello di cocco e quello di palma) e in alcuni prodotti di origine animale, fra cui dovrebbero essere preferiti il pollame senza pelle, i latticini a basso contenuto o privi di grassi e i tagli di carne più magri. Anche i frutti di mare possono essere una buona scelta, mentre è bene evitare il più possibile i grassi trans che possono formarsi durante la frittura e che possono essere presenti in alcuni prodotti da forno.

Fra i carboidrati è invece importante fare attenzione agli zuccheri semplici. Fra i più pericolosi è incluso il fruttosio, noto proprio per la sua capacità di far aumentare i trigliceridi; non bisogna però nemmeno esagerare con lo zucchero da tavola (sia bianco che scuro, entrambi corrispondenti a saccarosio), con il glucosio, il maltosio e il lattosio. Inoltre è bene limitare più in generale l'assunzione di carboidrati a non più del 60% delle calorie quotidiane, quota oltre la quale è stata osservata un'associazione con l'aumento dei livelli di trigliceridi.

Infine, è bene astenersi dal consumo di alcolici. Infatti in alcune persone l'alcol esercita un effetto diretto sui livelli di trigliceridi.

Con questi semplici accorgimenti è possibile ridurre il rischio che il cuore venga messo in pericolo dai trigliceridi. Non bisogna però dimenticare che le cause di ipertrigliceridemia possono essere anche altre; alla sua base potrebbe ad esempio esserci l'assunzione di alcuni farmaci, oppure il diabete di tipo 2. Per questo per sapere come affrontare la propria situazione nel modo più adatto è bene consultarsi con il proprio medico. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Riso integrale al pesto di fave con profumo di menta

Oggi voglio condividere con voi questa ricetta semplice, veloce, sfiziosa

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Corsi - Prevenzione a tavola

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Corsi - Prevenzione a tavola

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati