I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pesce, chi lo mangia spesso ingerisce 11 mila frammenti di plastica l’anno

Il risultato shock di uno studio belga

Pubblicato il 26/01/2017 da Prevenzione a tavola

Chi mangia regolarmente pesce e molluschi, ogni anno finisce per ingerire oltre 11 mila frammenti di plastica. Lo sostiene un’indagine condotta dai ricercatori dell’Università di Gand (Belgio), secondo cui con il tempo queste microparticelle finiscono per accumularsi all’interno dell’organismo e potrebbero causare danni a lungo termine.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Il Pesce è Fresco? 10 Consigli per Capirlo

Gli scienziati spiegano che all’interno degli oceani sono dispersi circa 5 mila miliardi di frammenti di plastica. Secondo le stime, oltre il 99% di questi pezzetti finiscono per raggiungere il corpo umano attraverso l’alimentazione. Per esempio, gli esperti evidenziano che le cozze per nutrirsi filtrano circa 20 litri di acqua al giorno, per cui tendono a ingerire anche microplastiche. Anche se la maggior parte vengono espulse, si può affermare che in media ogni cozza ne contenga un minuscolo frammento.

“Abbiamo dimostrato che questi frammenti entrano nel nostro corpo attraverso il pesce che ingeriamo e possono rimanerci per un po' di tempo - spiega Colin Janssen, che ha diretto il gruppo di ricerca -. Quindi abbiamo bisogno di capire che fine fa quella plastica. Dove va a finire? Viene inglobata e 'dimenticata' dal corpo oppure causainfezioni o altri danni? Non lo sappiamo, ma dovremmo saperlo”.

Gli studiosi avvertono che entro la fine del secolo le persone che consumano abitualmente il pesce rischieranno d’ingerire 780 mila frammenti di microplastica all'anno, di cui 4 mila saranno assorbiti dai loro sistemi digerenti. Pertanto, esprimono la necessità d’intervenire immediatamente per contrastare l’inquinamento marino. “La prossima generazione o quella successiva potrebbero affermare che abbiamo lasciato loro un’eredità di plastica scadente – conclude Janssen -. Dobbiamo fare qualcosa per affrontare questo problema. E dobbiamo farlo ora”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali