I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pesce, chi lo mangia spesso ingerisce 11 mila frammenti di plastica l’anno

Il risultato shock di uno studio belga

Pubblicato il 26/01/2017 da Prevenzione a tavola

Chi mangia regolarmente pesce e molluschi, ogni anno finisce per ingerire oltre 11 mila frammenti di plastica. Lo sostiene un’indagine condotta dai ricercatori dell’Università di Gand (Belgio), secondo cui con il tempo queste microparticelle finiscono per accumularsi all’interno dell’organismo e potrebbero causare danni a lungo termine.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Il Pesce è Fresco? 10 Consigli per Capirlo

Gli scienziati spiegano che all’interno degli oceani sono dispersi circa 5 mila miliardi di frammenti di plastica. Secondo le stime, oltre il 99% di questi pezzetti finiscono per raggiungere il corpo umano attraverso l’alimentazione. Per esempio, gli esperti evidenziano che le cozze per nutrirsi filtrano circa 20 litri di acqua al giorno, per cui tendono a ingerire anche microplastiche. Anche se la maggior parte vengono espulse, si può affermare che in media ogni cozza ne contenga un minuscolo frammento.

“Abbiamo dimostrato che questi frammenti entrano nel nostro corpo attraverso il pesce che ingeriamo e possono rimanerci per un po' di tempo - spiega Colin Janssen, che ha diretto il gruppo di ricerca -. Quindi abbiamo bisogno di capire che fine fa quella plastica. Dove va a finire? Viene inglobata e 'dimenticata' dal corpo oppure causainfezioni o altri danni? Non lo sappiamo, ma dovremmo saperlo”.

Gli studiosi avvertono che entro la fine del secolo le persone che consumano abitualmente il pesce rischieranno d’ingerire 780 mila frammenti di microplastica all'anno, di cui 4 mila saranno assorbiti dai loro sistemi digerenti. Pertanto, esprimono la necessità d’intervenire immediatamente per contrastare l’inquinamento marino. “La prossima generazione o quella successiva potrebbero affermare che abbiamo lasciato loro un’eredità di plastica scadente – conclude Janssen -. Dobbiamo fare qualcosa per affrontare questo problema. E dobbiamo farlo ora”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore