I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Virus ‘killer’, spegnere una molecola può renderli innocui

Studio ricercatori Bicocca, test in vitro e su modelli animali

Pubblicato il 23/01/2017 da Prevenzione a tavola

Bloccare l'effetto letale di alcuni virus, come Ebola o quello dell'influenza H5N1, contrastando una particolare molecola che portano sulla loro superficie, e rendendoli così potenzialmente innocui. La scoperta arriva dai ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con l'Università del Maryland e l'Inserm di Lione, appena pubblicata sulla rivista scientifica Nature Scientific Report. In particolare, gli scienziati si sono concentrati su un recettore chiamato TLR4, indispensabile al virus per propagare la sua infezione. In laboratorio è stata creata una molecola sintetica chiamata FP7, che è in grado di bloccare il recettore TLR4: in questo modo, spiegano dalla Bicocca, "si riesce a contrastare molto efficacemente l'effetto letale dei virus, lasciando all'organismo il tempo di reagire e sconfiggere l'infezione". I test per il momento sono stati effettuati in provetta su cellule umane e in vivo sul modello animale.

"Questo studio - dice Francesco Peri, docente di Chimica Organica in Bicocca - rappresenta un'importante conferma sperimentale del fatto che molecole capaci di bloccare il recettore umano TLR4 riescono anche a bloccare la letalità da virus. I virus influenzali infatti infiammano e danneggiano il tessuto polmonare, inducendo il rilascio di sostanze che attivano i recettori TLR4 in modo anomalo, causando una sindrome letale. Se si blocca questo processo, inibendo specificamente l'attivazione dei TLR4, si dà tempo all'organismo di reagire al virus con la risposta immunitaria che normalmente riesce a debellare l'infezione senza gravi conseguenze". Gli scienziati stanno già progettando di completare lo studio di queste molecole, e di brevettare nuovi farmaci capaci di contrastare questi virus. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore