I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Virus ‘killer’, spegnere una molecola può renderli innocui

Studio ricercatori Bicocca, test in vitro e su modelli animali

Pubblicato il 23/01/2017 da Prevenzione a tavola

Bloccare l'effetto letale di alcuni virus, come Ebola o quello dell'influenza H5N1, contrastando una particolare molecola che portano sulla loro superficie, e rendendoli così potenzialmente innocui. La scoperta arriva dai ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con l'Università del Maryland e l'Inserm di Lione, appena pubblicata sulla rivista scientifica Nature Scientific Report. In particolare, gli scienziati si sono concentrati su un recettore chiamato TLR4, indispensabile al virus per propagare la sua infezione. In laboratorio è stata creata una molecola sintetica chiamata FP7, che è in grado di bloccare il recettore TLR4: in questo modo, spiegano dalla Bicocca, "si riesce a contrastare molto efficacemente l'effetto letale dei virus, lasciando all'organismo il tempo di reagire e sconfiggere l'infezione". I test per il momento sono stati effettuati in provetta su cellule umane e in vivo sul modello animale.

"Questo studio - dice Francesco Peri, docente di Chimica Organica in Bicocca - rappresenta un'importante conferma sperimentale del fatto che molecole capaci di bloccare il recettore umano TLR4 riescono anche a bloccare la letalità da virus. I virus influenzali infatti infiammano e danneggiano il tessuto polmonare, inducendo il rilascio di sostanze che attivano i recettori TLR4 in modo anomalo, causando una sindrome letale. Se si blocca questo processo, inibendo specificamente l'attivazione dei TLR4, si dà tempo all'organismo di reagire al virus con la risposta immunitaria che normalmente riesce a debellare l'infezione senza gravi conseguenze". Gli scienziati stanno già progettando di completare lo studio di queste molecole, e di brevettare nuovi farmaci capaci di contrastare questi virus. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore