I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La nuova cura (italiana) che sconfigge il cancro al cervello dei bambini

E' più efficace e meno tossica

Pubblicato il 17/01/2017 da Prevenzione a tavola

Il più diffuso tumore al cervello dei bambini si può curare con una nuova terapia messa a punto, dopo 10 anni di studio, da un gruppo di ricercatori dell'Istituto di biologia cellulare e  neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibcn-Cnr) di Roma.

Le cure oggi

Il tumore cerebrale dell'infanzia è oggi curato con trattamenti ad alta tossicità, come la radioterapia, che lasciano nei pazienti danni gravi, tra cui disturbi cognitivi permanenti e neoplasie secondarie. La terapia si basa, in pratica, sul blocco della proliferazione delle cellule giovani che poi diventano neuroni con delle sostanze tossiche.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Lo operano al cervello, ma la sua reazione lascia tutti senza parole

Come funziona la nuova terapia

A far scomparire il tumore al cervello (medulloblastoma), anche se ha già iniziato a svilupparsi, è Il trattamento con la proteina Cxcl3 (chemokina). lo hanno dimostrato una serie di studi sullo sviluppo dei neuroni nel cervello e nel cervelletto (neurogenesi).

Se questa proteina manca c'è un aumento notevole della frequenza del medulloblastoma. Cosa succede?

I precursori cerebellari, cioè le cellule giovani che poi diventano neuroni, non riescono più a migrare al di fuori della zona proliferativa alla superficie del cervelletto e tendono a diventare cellule tumorali.Quando le cellule giovani rimangono troppo a lungo nella zona proliferativa diventano più suscettibili alle mutazioni che determinano una proliferazione incontrollata. La chemokina forza la migrazione fuori la zona proliferativa del cervelletto verso la parte interna, sfruttando la plasticità residua delle cellule tumorali. Si blocca quindi il rpogramma di sviluppo del tumore.

Il trattamento per un mese con la proteina Cxcl3, che sembra essere priva di tossicità, per via intracerebellare, a due mesi da quando il tumore ha iniziato a svilupparsi, fa scomparire completamente il medulloblastoma.

Lo studio è pubblicato su Frontiers in Pharmacology.

Passi futuri

  • Si sta ora studiando l'applicabilità nell'uomo di questo trattamento.
  • Resta da chiarire se la plasticità delle cellule giovani tumorali, ossia la capacità di differenziare dopo la migrazione, rimane negli stadi più avanzati del tumore.
  • La nuova terapia potrebbe essere aplicat alla sindrome di Gorlin, dove il tumore al cervello è trasmesso geneticamente, e quindi la sua insorgenza è più prevedibile e monitorabile sin dalle fasi iniziali di sviluppo. (Agi)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo