I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il 26% degli italiani rinuncia alle cure

la causa: servizi inadeguati e costi troppo salati

Pubblicato il 12/01/2017 da Prevenzione a tavola

Dopo anni di tagli il nostro sistema sanitario si contrae. Il servizio pubblico non riesce a liberare risorse migliorando l'efficenza, come dimostrano i dati dei 'sovraricavi', riconosciuti ad aziende ospedaliere e ospedali a gestione diretta, che si attestano tra i 2,6 e i 3,2 miliardi di euro. La conseguenza è un'offerta di servizi inadeguata, una crescita dei costi per gli utenti, una percezione di logoramento del sistema e un fenomeno di rinvio o rinuncia alle cure che nel 2016 ha coinvolto il 26% degli italiani. Sono le conclusioni del 14° Rapporto annuale 'Ospedali & Salute 2016' che disegna un "sistema in deflazione". Il report, realizzato da Ermeneia, è stato presentato oggi a Roma da Gabriele Pelissero, presidente nazionale Aiop, l'Associazione italiana ospedalità privata.

Secondo i dati degli ultimi anni, una diminuzione dei servizi si accompagna a maggiori costi per i cittadini: dal 2009 al 2014 si riducono i numeri dei posti letto (-9,2%), dei ricoveri (-18,3%), delle giornate di degenza (-14%), del personale (-9% tra il 2010 e il 2014); dal 2009 al 2015 aumentano in parallelo gli oneri per gli utenti, con i ticket per le prestazioni che crescono del 40,6%, le visite intramoenia a pagamento presso gli ospedali pubblici del 21,9% e i ticket per i farmaci del 76,7%.

Dalle analisi condotte e dal confronto con gli altri Paesi europei - indica il Rapporto - emerge un processo di deflazione da sottofinanziamento. Nel triennio 2012-2014, infatti, la spesa sanitaria pubblica risulta ancorata al 6,8% del Pil, mentre risulta in crescita quella degli altri Paesi G7 (8,2%). Anche la spesa ospedaliera pubblica complessiva è ferma nel nostro Paese al 3,9% del Pil. Esiste poi una deflazione da inefficienza della 'macchina' ospedaliera pubblica che non riesce a 'liberare' risorse, come invece potrebbe, secondo Aiop, qualora fosse in grado di rivedere in maniera significativa le proprie modalità organizzative e gestionali. Se ciò avvenisse, le risorse recuperate sarebbero investite per migliorare le strutture, le attrezzature e i servizi per i pazienti.

Nel report di quest'anno è stata effettuata una stima del valore dei possibili sovraricavi (nel 13° Rapporto presentato l'anno scorso si erano stimati i 'sovracosti'), riconosciuti ad aziende ospedaliere e ospedali a gestione diretta e che si attestano appunto tra i 2,6 e i 3,2 miliardi di euro.

La difficoltà dell'ospedalità pubblica nel fare un'effettiva ristrutturazione e riorganizzazione alimenta a sua volta una deflazione dovuta al trasferimento di oneri economici e normativi sul comparto ospedaliero privato accreditato nel suo complesso.

E' evidente - prosegue Aiop - che trasferire sistematicamente oneri economici aggiuntivi sulla componente privata finisce con l'innescare anche per quest'ultima un processo di erosione dei servizi forniti ai pazienti.

Esiste infine - indica ancora il Rapporto - una deflazione da razionamento di fatto dei servizi offerti nell'ambito dell'ospedalità pubblica. La causa di questo fenomeno è riconducibile all'impatto generato dai provvedimenti di spending review, intrapresi nel quadro delle politiche di austerità degli ultimi 5 anni.

Mantenere un modello basato su un processo di tipo deflattivo, secondo l'Aiop, negli anni finisce inevitabilmente per ipotecare il principio universalistico e solidale del nostro sistema sanitario nazionale. Diventa perciò necessario procedere a una "manutenzione straordinaria" del Ssn.

La conseguenza è che bisognerà far crescere l'abilità delle strutture ospedaliere nel "fare di più e meglio con meno", riuscendo così a liberare risorse oggi bloccate. Una maggiore trasparenza dei bilanci - conclude il Rapporto - aiuterebbe a misurare il livello di efficienza delle diverse strutture all'interno del pubblico e tra strutture pubbliche e private accreditate. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Riso integrale al pesto di fave con profumo di menta

Oggi voglio condividere con voi questa ricetta semplice, veloce, sfiziosa

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Corsi - Prevenzione a tavola

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Corsi - Prevenzione a tavola

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati