I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sì alla carne rossa: entro i limiti non fa male al cuore

Un consumo adeguato non espone la salute cardiovascolare a rischi immediati. L'analisi

Pubblicato il 21/12/2016 da Prevenzione a tavola

Anche la carne rossa può trovare spazio all’interno di un’alimentazione salutare che non metta in pericolo cuore e arterie. A sostenerlo è Wayne Campbell, esperto della Purdue University di West Lafayette (Stati Uniti), che insieme ai suoi collaboratori ha analizzato gli studi clinici condotti sul tema giungendo alla conclusione che un consumo che si mantenga al di sotto di mezza porzione al giorno (per un totale di 3 porzioni a settimana) non aumenta, almeno nel breve termine, il rischio cardiovascolare.

Le più recenti raccomandazioni dell’International Foundation of Mediterranean Diet (Ifmed) raccomandano di limitare il consumo di carne rossa a meno di 2 porzioni alla settimana e a mangiare al massimo una porzione di carni processate ogni 7 giorni. La raccomandazione è basata su studi secondo cui un consumo eccessivo di questi alimenti potrebbe danneggiare la salute; i dibattiti più recenti sugli effetti dell’inclusione della carne nell’alimentazione hanno riguardato l’associazione con il rischio di sviluppare dei tumori (in particolare all’intestino), ma non mancano nemmeno le discussioni sugli effetti del suo consumo a livello cardiovascolare. Campbell e collaboratori si sono concentrati proprio su questo aspetto; i risultati delle loro analisi, pubblicati sull’American Journal of Clinical Nutrition, li hanno portati a concludere che mantenendolo al di sotto dei limiti raccomandati è possibile includere all’interno di un’alimentazione sana anche la carne rossa. “Abbiamo scoperto - spiega infatti Lauren O’Connor, primo nome dello studio - che consumare più di mezza porzione al giorno di carne rossa non ha peggiorato la pressione sanguigna e il colesterolo totale nel sangue, le concentrazioni di HDL [il colesterolo buono, ndr], LDL [il colesterolo cattivo, ndr] e trigliceridi”.

Gli studi clinici presi in considerazione dai ricercatori riguardavano soprattutto le carni non processate, principalmente bovine e suine. Il fatto di poterle includere nell’alimentazione senza rischi per la salute mette a disposizione un cibo che, come ricorda Campbell, “è ricco di nutrienti, non solo in quanto fonte di proteine ma anche di ferro biodisponibile”. Tuttavia, le analisi condotte presentano delle limitazioni, prima fra tutti la durata degli studi inclusi (da poche settimane a pochi mesi), nettamente inferiore rispetto agli anni o ai decenni necessari per sviluppare un problema cardiovascolare. “E’ anche importante ammettere che i nostri risultati sono specifici per indicatori del rischio cardiovascolare selezionati”, aggiunge Campbell, secondo cui saranno necessarie ulteriori ricerche per valutare altri fattori di rischio per la salute di cuore e arterie, come l’infiammazione e la capacità di tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: a NATALE regalati il Corso online di "Prevenzione a tavola" (SCONTO di 20 euro fino al 25/12)

banner-basso-post-fucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni