I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come sopravvivere al Natale … in forma!

Trucchi e segreti per non arrivare affamati davanti alle nostre tavole imbandite

Pubblicato il 20/12/2016 da Chiara Cevoli

Si inizia a novembre con cene, aperitivi, merende e mille altre occasione per scambiarsi gli auguri e inevitabilmente mangiare. Arriviamo così al Natale già appesantiti, con qualche chilo in più e il bello deve ancora arrivare!

Esistono però piccoli trucchi che ci possono aiutare a controllare la fame famelica puntualmente scatenata davanti alle nostre tavole di Natale imbandite.

  1. Anche se leggeri non saltate mai i pasti: saltare il pranzo il giorno della vigilia o la colazione la mattina di Natale o non vi aiuterà a mantenervi in forma né tantomeno a mangiare di meno, infatti non appena i vostri occhi si poseranno sul tavolo degli antipasti avrà inizio la grande abbuffata.
  2. Prima della cena o del pranzo consumate della verdura cruda: carote, sedano finocchi, sono eccellenti alleati contro la fame: saziano e non poco. La lunga masticazione che richiedono, il buon contenuto in acqua e fibre sono tutte qualità che ci aiuteranno a non saccheggiare la tavola imbandita. Le fibre inoltre controllano e riducono l’assorbimento di carboidrati e grassi.
  3. Approfittate di questi giorni di festa per passeggiare o fare un po’ di sport “fuori programma”. Dopo un pasto abbondante una passeggiata è sicuramente un’ottima scelta.
  4. Tra un giorno di festa e l’altro ricordate di tornare al vostro normale regime alimentare: via dolcetti, evitate gli avanzi dei giorni di festa e soprattutto tenetevi lontano dall’alcol.
  5. Non eccedete con gli alcolici ed evitate bevande gassate e zuccherate: non vi toglieranno la sete ed incidono non poco sul vostro girovita.
  6. State attenti alle porzioni e soprattutto evitate bis e tris di piatti.
  7. Masticate, masticate, masticate e mangiate lentamente: più riuscirete a seguire questo piccolo consiglio meno mangerete durante il pasto.

Se riuscirete a seguire questi semplici consigli sicuramente le feste non saranno un problema per la vostra linea, tuttavia se non siete riusciti a frenare la vostra fame, ecco il menù-tipo per recuperare dopo i giorni di festa.

Giorno di recupero

Colazione: yogurt bianco intero o greco (senza zucchero) con una manciata di frutta secca (noci, mandorle, nocciole, pinoli).

Spuntino/Merenda: centrifuga o frutta

Pranzo: pesce o uova con verdure di stagione crude e/o cotte

Cena: pesce con verdure di stagione crude e/o cotte o un passato di verdure con un po’ di legumi.

Ricetta Centrifuga:

•           Verdura a foglia verde: spinaci, insalate (anche rughetta), cavolo nero, bieta

•           2 carote + 2 limoni

•           Un pezzetto di zenzero

•           Una piccola manciata di frutti rossi (more, ribes, lamponi, mirtilli)

Non perderti gli aggiornamenti della pagina Facebook della dottoressa Chiara Cevoli



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni