I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Anche chi ha problemi di cuore può bere caffè senza limitazioni?

Uno studio dimostra che anche chi soffre di aritmia cardiaca non risente negativamente del consumo di caffeina

Pubblicato il 15/11/2016 da Prevenzione a tavola

Anche chi soffre di insufficienza cardiaca può bere il caffè senza timore di esacerbare le aritmie. Un piccolo studio condotto dalla Universidad Federal do Rio grande do Sul, a Porto Alegre (Brasile) e pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine ha evidenziato come il consumo di caffè o bevande contenenti caffeina è sicuro e possibile anche per i pazienti con insufficienza cardiaca senza che tale abitudine determini la comparsa di battiti irregolari. Un elemento in più nella ricca letteratura scientifica sulle conseguenze del consumo di caffè.

LA RICERCA Lo studio ha visto il monitoraggio di 51 pazienti con insufficienza cardiaca: i partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi. Quelli del gruppo 1 hanno bevuto lungo un intervallo di cinque ore, caffè decaffeinato con 100 mg di polvere di caffè, in modo da assumerne in totale 500 mg, quelli del gruppo 2, invece, hanno ricevuto caffè decaffeinato con polvere di latte. Alla fine i ricercatori hanno controllato attraverso un test quanto il cuore fosse stato sollecitato dopo l’assunzione di caffè.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

I RISULTATI Il caffè rappresenta una delle bevande più ricche di caffeina; una tazza di caffè può contenerne dai 40 ai 220 mg a seconda di quanto sia lungo o ristretto, mentre una tazza di te contiene, di solito, una quantità di caffeina compresa fra i 20 e i 110 mg. Il team medico non ha riscontrato alcuna particolare irregolarità nel battito cardiaco nei pazienti che avevano assunto caffeina rispetto a quelli che non l’avevano assunta. Luis Rohde uno degli autori dello studio, in merito ha precisato: “Anche se di piccole dimensioni il nostro lavoro di ricerca sfata uno dei principali miti dei pazienti con problemi cardiovascolari e a rischio aritmia cardiaca, ovvero che non devono assumere o devono comunque limitare il loro consumo di caffeina”.

LIMITI DELLO STUDIO Oltre ad essere di piccole dimensioni, questo studio ha esaminato anche persone consumatrici abituali di caffè e quindi meno inclini a risentire degli effetti della caffeina sul loro organismo. Queste le lacune strutturali dellaricerca che andrà approfondita per verificare con certezza la correlazione fra caffeina e aritmie. Lo studio, infine, non si è occupato di verificare gli effetti a lungo termine della caffeina sul battito cardiaco nei pazienti con insufficienza cardiaca. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!

panino-con-straccetti-di-se



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"

Dott. Berrino: “Come contrastare l’obesità infantile”

I nostri bambini assumono troppi zuccheri e troppe proteine. La colpa? L'esempio sbagliato dei genitori

Corsi - Prevenzione a tavola

Sbucciare una melagrana in meno di un minuto

Vale la pena imparare a sbucciare questo frutto perché si tratta davvero di un concentrato di proprietà benefiche per il nostro organismo

Contengono più calorie le castagne arrostite, bollite o secche?

Il metodo di cottura influisce molto sul contenuto calorico delle castagne

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.