I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangia funghi tossici avrà bisogno di un trapianto di fegato

E' accaduto a Brindisi

Pubblicato il 08/11/2016 da Prevenzione a tavola

Ingerisce funghi altamente tossici e ora la sua vita è appesa ad un filo, legato alla urgente necessità di un trapianto di fegato. È accaduto venerdì scorso a San Donaci quando un 57enne si è risvegliato con fortissimi dolori addominali, accompagnati da vomito e diarrea. Il tutto in conseguenza di un risotto consumato la sera prima con funghi raccolti da lui stesso nel bosco tra San Donaci e Cellino. Funghi risultati poi - come accertato dagli esperti - della specie più nota per la sua pericolosità: l’Amanita phalloides.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO: Come riconoscere i funghi tossici

Resosi conto della gravità della situazione, l’uomo si è presentato al Pronto Soccorso del “Perrino” di Brindisi, dove è stato allertato il micologo reperibile dell’Asl, il quale, a seguito della descrizione fornita dall’interessato ed esaminati gli esemplari portati dai familiari, ha formulato la diagnosi, interessando subito del caso il Centro Anti Veleni di Milano per il “protocollo” da attuare in caso d’intossicazione. È stato altresì disposto anche l’esame della ricerca della “a-amanitina” nelle urine, esame che si effettua presso il laboratorio dell’ospedale di Foggia. L’esito è stato quanto di più negativo non potesse immaginarsi, atteso che ne è stato rilevato un alto contenuto: la dose letale nell’uomo è stata quantificata in 0,1 mg/kg di peso corporeo, mentre nel 57enne ne è stata accertata 20 mg/kg. In conseguenza di ciò, i sanitari del “Perrino” nella mattinata di ieri hanno disposto il trasferimento presso la struttura del Policlinico di Bari al Centro Trapianti Fegato. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali