I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il caffè sembra non creare scompensi cardiaci

Uno studio dimostra che anche chi soffre di aritmia cardiaca non risente negativamente del consumo di caffeina

Pubblicato il 19/10/2016 da Prevenzione a tavola

Anche chi soffre di insufficienza cardiaca può bere il caffè senza timore di esacerbare le aritmie. Un piccolo studio condotto dalla Universidad Federal do Rio grande do Sul, a Porto Alegre (Brasile) e pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine ha evidenziato come il consumo di caffè o bevande contenenti caffeina è sicuro e possibile anche per i pazienti con insufficienza cardiaca senza che tale abitudine determini la comparsa di battiti irregolari. Un elemento in più nella ricca letteratura scientifica sulle conseguenze del consumo di caffè.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

LA RICERCA Lo studio ha visto il monitoraggio di 51 pazienti con insufficienza cardiaca: i partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi. Quelli del gruppo 1 hanno bevuto lungo un intervallo di cinque ore, caffè decaffeinato con 100 mg di polvere di caffè, in modo da assumerne in totale 500 mg, quelli del gruppo 2, invece, hanno ricevuto caffè decaffeinato con polvere di latte. Alla fine i ricercatori hanno controllato attraverso un test quanto il cuore fosse stato sollecitato dopo l’assunzione di caffè.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

I RISULTATI Il caffè rappresenta una delle bevande più ricche di caffeina; una tazza di caffè può contenerne dai 40 ai 220 mg a seconda di quanto sia lungo o ristretto, mentre una tazza di te contiene, di solito, una quantità di caffeina compresa fra i 20 e i 110 mg. Il team medico non ha riscontrato alcuna particolare irregolarità nel battito cardiaco nei pazienti che avevano assunto caffeina rispetto a quelli che non l’avevano assunta. Luis Rohde uno degli autori dello studio, in merito ha precisato: “Anche se di piccole dimensioni il nostro lavoro di ricerca sfata uno dei principali miti dei pazienti con problemi cardiovascolari e a rischio aritmia cardiaca, ovvero che non devono assumere o devono comunque limitare il loro consumo di caffeina”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore