I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

‘Intolleranti’ al vino? Ecco cosa causa mal di testa, crampi e fastidi

La biologa, occhio alle ammine biogene

Pubblicato il 17/10/2016 da Prevenzione a tavola

Mal di testa, eruzioni cutanee, nausea e dolorosi crampi addominali dopo qualche bicchiere di vino. Molti pensano di essere astemi o 'intolleranti al vino', ma la verità è un'altra. Lo spiega Sabina Rubinibiologa esperta in sicurezza degli alimenti dello Studio Abr, che in tempo di vendemmia analizza per l'AdnKronos Salute i 'malanni da vino'. Oltre ai più noti solfiti - sottolinea - nel vino, qualsiasi esso sia (anche biologico), sono presenti le ammine biogene, sostanze che si creano nella fase di vinificazione e sono in grado di produrre composti che esercitano effetti negativi sulla salute in alcune persone.

"A molti sarà capitato di bere buon vino, risentendo dopo un po', se non il giorno dopo, di malesseri fisici solitamente correlati al consumo di un prodotto ricco di solfiti. Ma non sono solo i solfiti a creare reazioni negative nel nostro organismo", ammonisce la biologa. E allora da cosa possono dipendere emicrania e altri malesseri? "Le ammine biogene si creano nella fase di vinificazione, sono ottenute da cicli/processi biologici a opera di batteri lattici presenti nel mosto e nel vino, e sono in grado di produrre, appunto, composti che esercitano effetti negativi sulla salute. Si tratta di composti azotati - precisa Rubini - derivanti da specifici amminoacidi che possono trovarsi in molteplici alimenti quali pesce, vegetali, formaggi e prodotti carnei, con concentrazioni anche superiori alle quantità riscontrate nel vino. Essendo sostanze biologicamente attive nell'organismo umano e indispensabili oltretutto per svolgere importanti funzioni fisiologiche, nella maggior parte dei casi tendono a non causare effetti negativi".

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Tuttavia, "se ingerite in concentrazione troppo elevate, o nel caso in cui l'azione detossificante dell'organismo venga inibita per la presenza di etanolo o farmaci, possono manifestarsi vari effetti tossici e reazioni allergiche", avverte l'esperta.

Le ammine biogene dotate di maggiore tossicità nel vino sono: l'istamina, capace di indurre nell'uomo mal di testa, eruzione cutanee, nausea, vomito, crampi addominali e crisi respiratorie; la tiramina, capace di indurre mal di testa, salivazione, problemi respiratori, crisi ipertensive (cheese reaction); putrescina, β-feniletilamina e cadaverina che hanno la capacità di potenziare gli effetti delle prime due.

"Il livello delle ammine biogene può variare nel vino a causa di diversi fattori", precisa la biologa. "Certo è che, se durante il trascorrere di una piacevole serata un soggetto suscettibile tende a consumare vino insieme a cibi contenenti queste ammine, per un effetto di accumulo" si potrebbe rischiare qualche malanno.

"Effettivamente, nonostante la presenza delle ammine biogene sia un fenomeno ormai diffuso, non esiste tuttora una legislazione che fissi dei valori limite per queste sostanze, anche se alcuni Paesi europei hanno deciso di raccomandare, ad esempio per l'istamina nei vini, dei valori massimi compresi tra i 2 ed i 10 mg/l", conclude Rubini.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"

Dott. Berrino: “Come contrastare l’obesità infantile”

I nostri bambini assumono troppi zuccheri e troppe proteine. La colpa? L'esempio sbagliato dei genitori

Corsi - Prevenzione a tavola

Sbucciare una melagrana in meno di un minuto

Vale la pena imparare a sbucciare questo frutto perché si tratta davvero di un concentrato di proprietà benefiche per il nostro organismo

Contengono più calorie le castagne arrostite, bollite o secche?

Il metodo di cottura influisce molto sul contenuto calorico delle castagne

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.