I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Grana Padano: 30 grammi al giorno per ipertesi

Grana padano ai malati di ipertensione, premiato studio italiano

Pubblicato il 11/10/2016 da Prevenzione a tavola

Roma- La Società Internazionale di Ipertensione, ISH, riunitasi a Seul ha conferito il prestigioso premio "Gold Award per il miglior studio clinico" alla ricerca italiana sulla riduzione della pressione arteriosa nei soggetti affetti da ipertensione che inseriscono regolarmente nella loro dieta Grana Padano DOP. Lo studio clinico premiato (denominato "Antyhypertensive effect of milk derivative tripeptides, randomized, placebo-controlled, double blind study on the effect of Grana Padano d.o.p. in hypertensive patients) è stato realizzato dall'Unita' Operativa di Ipertensione dell'Ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza, guidata da Giuseppe Crippa, e dall'Istituto di Scienze degli Alimenti della Nutrizione dell'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. La International Society Of Hypertension ISH e' partner ufficiale della Organizzazione Mondiale della Sanita' e della World Hypertension League. Il congresso dell´International Society of Hypertension si svolge bi-annualmente e con i suoi 5.000 delegati, provenienti da ogni continente, rappresenta il più importante evento internazionale nel campo dell'ipertensione arteriosa.

GUARDA VIDEO IN ALTO

Lo studio clinico italiano è stato selezionato tra una rosa di circa 2.000 ricerche. Il lavoro coordinato da Giuseppe Crippa è stato realizzato inserendo, per due mesi, nella dieta giornaliera di 30 pazienti affetti da ipertensione 30 grammi di Grana Padano DOP stagionato 12 mesi (in quanto particolarmente ricco di tripeptidi che hanno proprieta' Ace-inibitrice). Gli stessi pazienti, in ordine casuale, hanno assunto un placebo inattivo, cioè privo di tripeptidi per lo stesso periodo di 2 mesi. "Sono molto lieto per aver ricevuto il prestigioso diploma - ha commentato il Dr.Crippa - che premia l'accuratezza della nostra ricerca condotta con una metodologia che viene solitamente usata negli studi clinici di intervento per testare l'efficacia dei farmaci. il disegno del nostro studio (doppio cieco, randomizzato, con placebo) raramente viene applicato per valutare l'efficacia di alimenti funzinali come il grana padano. Credo sia una ottima notizia sapere che, per abbassare la pressione quando e' troppo elevata, un aiuto possa venire anche da un alimento".

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner-basso-post-fucina

"Penso che i giudici abbiano preferito questo studio per almeno due caratteristiche - ha detto ancora Crippa - prima di tutto per l'applicabilita' dei risultati nella pratica clinica quotidiana visto che l'integrazione dietetica con 30 grammi di grana Padano e' di semplice esecuzione essendo un cibo di facile reperibilita'. Inoltre, il metodo di valutazione degli effetti antiipertensivi e' stato particolarmente accurato. La pressione arteriosa e' stata misurata con misurazione convenzionale, ma anche con misurazione automatica ripetuta (AOBP) e con monitoraggio pressorio di 24 ore (ABPM). Il giudizio sull'efficacia del trattamento si basa quindi su oltre 350 misure pressorie per ogni paziente valutato nello studio. E' inoltre significativo il dato clinico che l'integrazione dietetica con Grana Padano non ha modificato il peso corporeo, i livelli di glicemia, colesterolemia e trigliceridemia dei pazienti esaminati". (AGI)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Parmigiano Reggiano o Grana Padano?



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti