I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

‘Può causare ictus e Alzheimer’, scoperto il killer dei neuroni

Scoperto il killer dei neuroni, un nemico capace di causane la morte

Pubblicato il 07/10/2016 da

Scoperto il killer dei neuroni, un nemico capace di causane la morte. La stessa catena di eventi molecolari sembra, infatti, responsabile della morte delle cellule cerebrali per ictus, lesioni e persino malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer. Ora i ricercatori della Johns Hopkins University dicono di aver individuato la proteina che si cela alla fine di questa catena di eventi, quella cioè che dà il colpo fatale ai neuroni, attaccando dall’interno il Dna della cellula. La scoperta, dicono i ricercatori, potenzialmente apre una nuova strada per lo sviluppo di farmaci in grado di prevenire, fermare o indebolire questo processo.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola”.

banner-basso-post-fucina

Lo studio sul killer dei neuroni è pubblicato su ‘Science’. Gli esperimenti, condotti su cellule coltivate in laboratorio, si basano su un precedente lavoro del team di Ted Dawson e Valina Dawson. Il loro gruppo di ricerca ha scoperto che, nonostante diverse cause e sintomi, lesioni, ictus, Alzheimer, Parkinson e corea di Huntington hanno un meccanismo condiviso: una forma di morte “programmata” delle cellule cerebrali che hanno chiamato parthanatos, dalla personificazione della morte nella mitologia greca e Parp, un enzima coinvolto nel processo.

Questa forma di morte cellulare “gioca un ruolo in quasi tutte le forme di danno cellulare”, dice Ted Dawson. Questo studio ha ricostruito tutta la catena di eventi mortali, arrivando al killer che dà il colpo di grazia ai neuroni. Si tratta di una delle 160 proteine conosciute come fattore inibitorio della migrazione dei macrofagi (Mif). “Pensiamo che sia il momento finale di parthanatos”, conclude Ted Dawson. Il suo team ha anche identificato alcuni composti chimici che bloccano l’azione di Mif nelle cellule, proteggendole da parthanatos. Ora l’idea è quella di testare i composti sugli animali, e modificarli per massimizzare la loro sicurezza ed efficacia. Trovare un nemico mortale del killer potrebbe avere implicazioni per molte patologie. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato