I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il virus Zika si può diffondere anche attraverso lacrime e sudore

La vittima era un uomo di 73 anni

Pubblicato il 04/10/2016 da Prevenzione a tavola

Lacrime e sudore possibili veicoli del virus Zika. A puntare il dito su queste nuove possibili vie di trasmissione per il virus che dal Sudamerica si sta diffondendo nel mondo sono i ricercatori statunitensi che, in una lettera sul 'Nejm', analizzano il raro caso di un decesso negli Usa di un paziente con virus Zika. Un altro paziente, entrato in contatto con l'uomo in ospedale, potrebbe aver contratto il virus proprio attraverso il sudore o le lacrime del primo malato.

La vittima era un uomo di 73 anni, morto quest'anno nell'ospedale dell'University of Utah a Salt Lake City. Il paziente ha sperimentato i primi sintomi 8 giorni dopo essere rientrato da un viaggio in Messico: febbre e dolore addominale, cui si sono aggiunti occhi infiammati, ipotensione e battito accelerato. L'uomo ha sviluppato quindi uno shock settico, che lo ha portato alla morte. Il secondo paziente, un giovane di 38 anni precedentemente sano, aveva visitato l'anziano in ospedale, asciugandogli le lacrime e aiutando le infermiere a sistemarlo nel letto. Uno dei medici ha notato gli occhi rossi dell'uomo, congestionati e pieni di lacrime, sintomo comune di Zika. In breve tempo un test ha confermato l'infezione, ma in questo caso i sintomi erano lievi e si sono risolti in pochi giorni.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner-basso-post-fucina

Due aspetti arrovellano i medici: perché l'anziano è morto? Finora sono rarissimi i decessi da virus Zika. In che modo poi il secondo paziente ha contratto il virus? Non ha fatto nulla per esporsi al rischio. I medici dell'University of Utah e degli Arup Laboratories suggeriscono che livelli del virus insolitamente elevati nell'anziano siano stati causa della sua morte. Questo elemento inoltre potrebbe spiegare perché il secondo uomo si sia infettato, semplicemente toccando lacrime o sudore del primo malato.

"Questo raro caso ci sta aiutando a comprendere lo spettro completo della malattia e le misure che dobbiamo adottare per evitare il passaggio del virus da una persona all'altra in situazioni specifiche", spiega Sanker Swaminathan dell'University of Utah, fra gli autori dello studio. "La carica virale" del primo paziente "era 100 mila volte più elevata di quella riportata in altri casi di Zika", conclude infatti il ricercatore. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Vivere più a lungo? Basta bere tè tre volte a settimana

Un nuovo studio afferma che il tè riduce il rischio di malattie cardiovascolari e il tasso di mortalità

Il cibo influenza subito la qualità del seme maschile

Troppi zuccheri peggiorano la qualità dello sperma, dieta sana la migliora. Ecco cosa mangiare

Il peperoncino allunga la vita: dimezza rischio di morte per ictus e infarto

Una buona notizia per gli amante del piccante, specie per chi lo usa 4 volte alla settimana

Colesterolo alto: cosa mangiare a Natale?

Ecco i cibi consigliati e quelli da evitare da mangiare durante le feste per chi soffre di colesterolo alto

Esagerare a cena mette in pericolo il cuore

Il cuore delle donne corre il rischio maggiore

Corsi - Prevenzione a tavola

Proteggi il tuo cuore con pasta integrale, peperoncino, caffè e cioccolato fondente

Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro

DOLCI, online il nostro nuovo corso di cucina

Dolci squisiti senza zucchero ma con dolcificanti naturali più sani, senza farine raffinate e senza latte

L’aspartame è pericoloso per la salute?

Ecco cosa dicono alcuni studi recenti e come sono regolamentati in Europa gli additivi alimentari

Corsi - Prevenzione a tavola

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"

Dott. Berrino: “Come contrastare l’obesità infantile”

I nostri bambini assumono troppi zuccheri e troppe proteine. La colpa? L'esempio sbagliato dei genitori

Sbucciare una melagrana in meno di un minuto

Vale la pena imparare a sbucciare questo frutto perché si tratta davvero di un concentrato di proprietà benefiche per il nostro organismo

Contengono più calorie le castagne arrostite, bollite o secche?

Il metodo di cottura influisce molto sul contenuto calorico delle castagne