I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sammontana blocca la vendita dei cornetti: «C’è un corpo estraneo»

L'ordine: bloccare, non procedere alla vendita dei prodotti di prima colazione surgelati

Pubblicato il 19/09/2016 da Prevenzione a tavola

llarme corpo estraneo nei cornetti Sammontana. L'azienda con sede a Empoli, con un avviso pubblicato oggi sui quotidiani, chiede ai propri clienti, i pubblici esercizi, "di bloccare, non procedere alla vendita dei prodotti di prima colazione surgelati (croissant etc.)" dei marchi Mongelo, Professional e Tre Marie "perché i prodotti potrebbero contenere un corpo estraneo, ed in particolare dei minuti filamenti metallici

".;Vi chiediamo - prosegue l'avviso - di procedere alla restituzione degli stessi agli agenti/distributori territoriali. Sammontana S.p.a. provvederà alla sostituzione e al rimborso dei costi sostenuti. Sammontana - si legge ancora - pone al primo posto la sicurezza alimentare e la salubrità dei propri prodotti quale prerequisito essenziale e imprescindibile. Per questo motivo, nel rispetto della normativa cogente, adotta tutti gli accorgimenti, le tecnologie, le salvaguardie preventive, le buone pratiche igieniche e produttive e le attività di controllo adeguate in relazione ai prodotti e alle categorie di consumatori cui gli alimenti sono destinati. Nell'ambito dei controlli specifici ai propri macchinari produttivi, volti a garantire il soddisfacimento di questi requisiti, è stata riscontrata la non conformità descritta e decisa l'azione di richiamo".

Nel luglio scorso, un avvenimento analogo si era verificato alla Barilla che aveva ritirato dalla vendita alcune "referenze a marchio Mulino Bianco e Pavesi" sono state ritirate "in via precauzionale su base volontaria, a seguito della segnalazione di un fornitore della possibile presenza di frammenti metallici, in una partita di sale utilizzata per la produzione in questione". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni