I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco perché dormire sul lato sinistro del corpo

Il dottor John Doulliard spiega che dormire sul lato sinistro offre molti benefici alla nostra salute

Pubblicato il 16/09/2016 da Prevenzione a tavola

Tutti gli esseri umani abbiamo modi diversi di dormire. Ad esempio, alcuni di noi preferiscono dormire a pancia in su, altri a pancia in giù. Ma in molti non sanno che la migliore posizione per dormire è sul lato sinistro, secondo alcuni esperti.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

In questo articolo ti elencheremo le 5 ragioni per cui dormire sul lato sinistro fa bene alla nostra salute.

  1. Favorisce il corretto drenaggio linfatico Il dottor John Doulliard spiega nel suo articolo del “The Journal of Clinical Gastroenterology” che dormire sul lato sinistro offre molti benefici alla nostra salute. E’ da questo lato che la linfa trasporta importanti elementi quali proteine, glucosio o metaboliti, che devono filtrare dai noduli linfatici per essere trasportati sul lato sinistro.
  2. Per ragioni anatomiche Il pancreas e lo stomaco si trovano sul lato sinistro. Dormendo da questo lato supporteremo la digestione, in modo da canalizzare meglio i succhi gastrici. Inoltre, favoriamo la secrezione di enzimi pancreatici.
  3. Cuore L’80% del nostro cuore si trova sul lato sinistro del corpo: per questo dormendo da questo lato favoriamo la sua salute. Inoltre, bisogna sapere che l’aorta esce dal cuore formando un arco verso il lato sinistro, fino ad arrivare all’addome. Dormendo sul lato sinistro, il cuore pomperà il sangue più facilmente.
  4. Per la salute della milza La milza è fondamentale sia per la digestione che per il sistema immunitario: anch’essa si trova sul lato sinistro. Dormendo sul lato sinistro faciliteremo il percorso dei fluidi fino alla milza, seguendo il senso naturale della gravità nel nostro corpo. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni