I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’allarme degli esperti Ispra: avvelenta l’acqua che beviamo

L'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ha misurato alti livelli di pesticidi nei pozzi in diverse regioni italiane

Pubblicato il 14/09/2016 da Prevenzione a tavola

Gli esperti dell'Ispra, l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ha condotto ricerche scientifiche sulla pianura Padana che mettono in allarme il Piemonte, la Lombardia, l'Emilia Romagna e il Veneto.

L'utilizza di pesticidi nelle coltivazioni, infatti, avrebbe inquinato i pozzi e le falde acquifere, rendendo di farro l'acqua che beviamo avvelenata.

L'acqua inquinata

Come ripota la Stampa, nei bacini del Po e in Veneto sono stati usate negli anni '60 ingenti quantità di atrazina, un diserbante poi vietato nel 1992. Non solo. Il nuovo diserbante, la terbutilazina (che ha caratteristiche simili alla atrazina) è ancora oggi molto impiegato dagli agricoltori. Anche questo nel 2010 era stato bandito dall'Efsa (Autorità europea per l'alimentazione e la salute), ma poi è stato reitrodotto l'anno successivo. Secondo l'agenzia Ue per le sostanza chimiche, però, è pericolosa per l'uomo: gli scienziati spiegano che questi pesticidi, assunti dall'uomo, provocano l'alterazione del funzionamento del sistema endocrino.

Se nelle acque superficiali del Po non si rivelano grosse concentrazioni di pesticidi (scorrono via velocemente), nelle falde il discorso cambia. I pesticidi sopra citati sono resistenti in profondità ed entrambi, ancche l'atrazina abbandonata anni fa, sono presenti in alte concentrazioni nelle falde acquifere. Il suo utilizzo poi inquina i pozzi dell'acqua cui poi attingono i cittadini delle regioni del Nord e Nord-Est. L'acqua che beviamo. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Corsi - Prevenzione a tavola

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca