I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Trapianto di flora batterica, aiuta a curare la colite ulcerosa

La tecnica è in grado di ridurre o persino eliminare i sintomi dell'infiammazione intestinale

Pubblicato il 05/09/2016 da Prevenzione a tavola

Il trapianto della flora batterica potrebbe curare la colite ulcerosa, un'infiammazione intestinale responsabile di dolori addominali e diarrea ricorrente. Ė quanto emerge da uno studio condotto dagli scienziati della University of New South Wales di Sydney (Australia), diretti da Sudarshan Paramsothy, che afferma: “Negli ultimi anni, i ricercatori hanno acquisito una migliore comprensione della flora intestinale e del ruolo fondamentale che essa svolge nel mantenere l'organismo sano, ma anche nello sviluppo delle malattie, compresi i disturbi come la colite ulcerosa. Attraverso il ricorso altrapianto di microbiota fecale, ci proponiamo di curare la colite ulcerosa alla radice, invece che di curarne soltanto i sintomi, come fa la maggior parte delle terapie attualmente disponibili”.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Berrino e la dieta per la colite ulcerosa

Gli studiosi hanno testato l'efficacia del trapianto di flora batterica, una tecnica impiegata per curare le infezioni intestinali provocate dal batterioClostridium dificile, nel trattamento della colite ulcerosa. La terapia consiste nella somministrazione di un nuovo microbiota – l'insieme dei batteri presenti nell'apparato digerente umano - estratto da campioni di feci di donatori sani. Durante la sperimentazione, gli autori hanno sottoposto alla procedura 41 persone affette da colite ulcerosa. Ad altre 40, invece, è stata fornito un placebo o un trattamento inefficace.

Leggi anche: Gastrite: come alleviarla con 3 rimedi naturali

Dopo un periodo di otto settimane, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti sottoposti a trapianto di microbiota mostravano una riduzione significativa o addirittura la completa scomparsa dei sintomi infiammatori. Inoltre, la parete del loro intestino presentava meno lesioni. In particolare, il 27% non presentava più sintomi, mentre il 44% mostrava un sensibile miglioramento. Nel gruppo di controllo, invece, le percentuali si fermavano rispettivamente all'8 e al 20%. Continua a leggere...



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Corsi - Prevenzione a tavola

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Corsi - Prevenzione a tavola

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova