I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Trapianto di flora batterica, aiuta a curare la colite ulcerosa

La tecnica è in grado di ridurre o persino eliminare i sintomi dell'infiammazione intestinale

Pubblicato il 05/09/2016 da Prevenzione a tavola

Il trapianto della flora batterica potrebbe curare la colite ulcerosa, un'infiammazione intestinale responsabile di dolori addominali e diarrea ricorrente. Ė quanto emerge da uno studio condotto dagli scienziati della University of New South Wales di Sydney (Australia), diretti da Sudarshan Paramsothy, che afferma: “Negli ultimi anni, i ricercatori hanno acquisito una migliore comprensione della flora intestinale e del ruolo fondamentale che essa svolge nel mantenere l'organismo sano, ma anche nello sviluppo delle malattie, compresi i disturbi come la colite ulcerosa. Attraverso il ricorso altrapianto di microbiota fecale, ci proponiamo di curare la colite ulcerosa alla radice, invece che di curarne soltanto i sintomi, come fa la maggior parte delle terapie attualmente disponibili”.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Berrino e la dieta per la colite ulcerosa

Gli studiosi hanno testato l'efficacia del trapianto di flora batterica, una tecnica impiegata per curare le infezioni intestinali provocate dal batterioClostridium dificile, nel trattamento della colite ulcerosa. La terapia consiste nella somministrazione di un nuovo microbiota – l'insieme dei batteri presenti nell'apparato digerente umano - estratto da campioni di feci di donatori sani. Durante la sperimentazione, gli autori hanno sottoposto alla procedura 41 persone affette da colite ulcerosa. Ad altre 40, invece, è stata fornito un placebo o un trattamento inefficace.

Leggi anche: Gastrite: come alleviarla con 3 rimedi naturali

Dopo un periodo di otto settimane, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti sottoposti a trapianto di microbiota mostravano una riduzione significativa o addirittura la completa scomparsa dei sintomi infiammatori. Inoltre, la parete del loro intestino presentava meno lesioni. In particolare, il 27% non presentava più sintomi, mentre il 44% mostrava un sensibile miglioramento. Nel gruppo di controllo, invece, le percentuali si fermavano rispettivamente all'8 e al 20%. Continua a leggere...



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero