I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Trapianto di flora batterica, aiuta a curare la colite ulcerosa

La tecnica è in grado di ridurre o persino eliminare i sintomi dell'infiammazione intestinale

Pubblicato il 05/09/2016 da Prevenzione a tavola

Il trapianto della flora batterica potrebbe curare la colite ulcerosa, un'infiammazione intestinale responsabile di dolori addominali e diarrea ricorrente. Ė quanto emerge da uno studio condotto dagli scienziati della University of New South Wales di Sydney (Australia), diretti da Sudarshan Paramsothy, che afferma: “Negli ultimi anni, i ricercatori hanno acquisito una migliore comprensione della flora intestinale e del ruolo fondamentale che essa svolge nel mantenere l'organismo sano, ma anche nello sviluppo delle malattie, compresi i disturbi come la colite ulcerosa. Attraverso il ricorso altrapianto di microbiota fecale, ci proponiamo di curare la colite ulcerosa alla radice, invece che di curarne soltanto i sintomi, come fa la maggior parte delle terapie attualmente disponibili”.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Berrino e la dieta per la colite ulcerosa

Gli studiosi hanno testato l'efficacia del trapianto di flora batterica, una tecnica impiegata per curare le infezioni intestinali provocate dal batterioClostridium dificile, nel trattamento della colite ulcerosa. La terapia consiste nella somministrazione di un nuovo microbiota – l'insieme dei batteri presenti nell'apparato digerente umano - estratto da campioni di feci di donatori sani. Durante la sperimentazione, gli autori hanno sottoposto alla procedura 41 persone affette da colite ulcerosa. Ad altre 40, invece, è stata fornito un placebo o un trattamento inefficace.

Leggi anche: Gastrite: come alleviarla con 3 rimedi naturali

Dopo un periodo di otto settimane, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti sottoposti a trapianto di microbiota mostravano una riduzione significativa o addirittura la completa scomparsa dei sintomi infiammatori. Inoltre, la parete del loro intestino presentava meno lesioni. In particolare, il 27% non presentava più sintomi, mentre il 44% mostrava un sensibile miglioramento. Nel gruppo di controllo, invece, le percentuali si fermavano rispettivamente all'8 e al 20%. Continua a leggere...



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo