I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rumore nemico del cuore

Più rischi per chi vive vicino ad aeroporto

Pubblicato il 30/08/2016 da Prevenzione a tavola

Il silenzio è d'oro, almeno per la salute del cuore. Suoni, ronzii, scoppi improvvisi e rumori di fondo degli apparecchi elettrici non sono solo un ostacolo al riposo: crescenti evidenze mostrano che proprio il rumore ambientale, continuo o al di sopra di un certo livello, può avere effetti negativi sulla salute umana. Uno dei meno investigati è il rumore determinato dal traffico aereo. Ora uno studio dell'Università di Cracovia (Polonia) presentato all'Esc 2016 in corso a Roma, ha indagato proprio gli effetti del rumore aereo sui livelli di pressione sanguigna di chi vive nei pressi degli aeroporti, e la prevalenza di ipertensione arteriosa e danni d'organo asintomatici (come rigidità delle arterie, ipertrofia ventricolare sinistra e funzione diastolica).

Per svolgere lo studio sono state arruolate 101 persone residenti nei pressi di alcuni aeroporti ed esposti ad oltre 60 decibel di rumore. Mentre il gruppo di controllo di 100 persone è stato reclutato in aree a basso livello di rumore o comunque inferiore al limite di 55 dB. Tutti i soggetti avevano tra 40 e 65 anni e la durata dello studio è stata di 3 anni. L'analisi dei risultati ha rivelato che la pressione sanguigna misurata in ambulatorio era più alta nei soggetti esposti a rumore rispetto al gruppo di controllo, con una prevalenza del 40% contro il 24%. Inoltre gli indicatori di danno d'organo asintomatici risultavano significativamente alterati tra un gruppo e l'altro. Questo ha permesso ai ricercatori di stabilire che l'esposizione a lungo termine al rumore del traffico aereo è associata a valori pressori elevati e prevalenza di ipertensione arteriosa insieme ad una incidenza maggiore di danni all'organo cardiaco.

Che il rumore degli aerei o del traffico stradale, specialmente nelle ore notturne, potesse aumentare il rischio di ipertensione arteriosa, era stato confermato anche da uno studio svolto nei dintorni dell'aeroporto inglese di Heatrow. Il lavoro aveva messo in relazione gli alti livelli di rumore prodotto dagli apparecchi a un maggior numero di ricoveri ospedalieri e di morte per ictus, malattie coronariche e cardiovascolari degli abitanti. È stato poi stimato che una riduzione del rumore anche di soli cinque dB potrebbe ridurre la prevalenza di ipertensione dell'1,4% e di disturbi coronarici dell'1,8%, con un beneficio economico quantificato in 3,9 miliardi di dollari l'anno solo negli Stati Uniti.

Un'altra ricerca durata 15 anni ha calcolato che per ogni 10 dB in più di esposizione al rumore, infarti ed ictus aumentano del 7-17%. Con effetti negativi anche sull’umore: in particolare un incremento di irritabilità, fastidio e nervosismo. E i bambini? Circa 20 ricerche sono concordi nel rilevare effetti del rumore sulle capacità cognitive dei più piccoli con disturbi di memoria e attenzione e rallentamenti nell'apprendimento scolastico. Se negli Stati Uniti circa 100 milioni di persone sono esposte a livelli di rumore malsani, in Europa l'esposizione continuata al rumore atmosferico, cittadino, dal traffico automobilistico o aereo è responsabile del 3% delle morti per cause cardiache, per un totale di 210.000 decessi evitabili, ricordano gli esperti dall'Esc.

Lo studio presentato a Roma si concentra sugli aeroporti che, in Italia, sono 112. Di questi, 90 sono aperti al solo traffico civile (43 aperti a voli commerciali, 47 a voli civili non di linea); 11 militari aperti al traffico civile (3 scali aperti a voli commerciali, 8 a voli civili non di linea), 11 esclusivamente a uso militare. Inoltre il rumore del traffico secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) interessa 1 persona su 3. E un europeo su cinque è regolarmente esposto a rumorosità notturne che potrebbe danneggiare in modo significativo la salute.

Ma in che modo, esattamente, questo fenomeno danneggia il cuore? "Il rumore cronico o eccessivo interferisce innalzando i livelli di ormoni dello stress come cortisolo, adrenalina e noradrenalina che a loro volta influiscono a cascata il sistema endocrino immunitario e quello nervoso autonomo", spiega Francesco Romeo, direttore di Cardiologia del Policlinico Tor Vergata di Roma. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore