Dieta mediterranea scudo ‘salvacuore’, riduce rischio mortalità in malati

Dieta mediterranea scudo ‘salvacuore’. Non solo per i sani, ma anche per chi ha una storia di malattia cardiovascolare alle spalle. La scienza torna a indagare sulla regina dei regimi alimentari, faro della tradizione italiana a tavola. Ma questa volta lo fa concentrandosi proprio su chi ha più bisogno di stili di vita protettivi: un team di ricercatori italiani, infatti, ha dimostrato che la dieta mediterranea è associata a un rischio ridotto di morte in pazienti che hanno già avuto il cuore sotto ‘minaccia’.

Il lavoro, presentato oggi al congresso della Società europea di cardiologia (Esc), in corso a Roma fino a mercoledì 31 agosto, è ‘made in Molise’. Ha le sue fondamenta nel maxi progetto Moli-sani, studio epidemiologico prospettico che ha reclutato ‘random’ circa 25 mila adulti della regione trasformandola così in un mega laboratorio a cielo aperto.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Per arrivare a questi numeri gli scienziati hanno arruolato una media di 5 mila persone l’anno per 5 anni – dal 2005 al 2010 – raggiungendo un “peso statistico importantissimo con il quale si sta dando un grande contributo alla medicina internazionale”, spiega all’AdnKronos Salute Giovanni de Gaetano, responsabile del Dipartimento di epidemiologia e prevenzione all’Irccs Neuromed, Istituto neurologico mediterraneo di Pozzilli (Isernia). Il maxi campione che coinvolge “praticamente il 10% circa degli adulti molisani, è altamente rappresentativo della popolazione reale, degli stili di vita diversi, della diversa estrazione sociale: abbiamo persone che vivono in montagna, sul mare, in piccoli paesi e nella grande città, estratte a sorte dagli elenchi di Comuni a loro volta selezionati in maniera casuale”.

La ricerca che de Gaetano ha presentato ai cardiologi europei a congresso nella Capitale si è concentrata su 1.197 persone dello studio Moli-sani che “al momento dell’arruolamento hanno riportato una storia di malattia cardiovascolare”, un evento cardiocerebrovascolare documentato, spiega Marialaura Bonaccio, autrice principale dello studio e ricercatrice under 40 supportata da una borsa della Fondazione Umberto Veronesi. Il messaggio è positivo: “Non è vero che dopo un infarto è tutto perduto”, dice de Gaetano. I nemici del cuore “si combattono anche a tavola. Perciò ai pazienti dico di non focalizzarsi solo sui farmaci, ma anche sullo stile di vita: qualche chilometro o rampa di scale in più a piedi, tv spente e alimentazione ‘scudo'”. Continua a leggere…

Condividi il post

Tortine di farro con marmellata al limone

Le Tortine di farro con marmellata al limone che vi…

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Ecco a voi una rivisitazione più sana, leggera e nutriente…

La ricetta dei Muffin alle carote con mandorle

La ricetta che vogliamo proporvi oggi è quella dei muffin,…

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa, grazie alle proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Tieniti in-forma(to)

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

Connettiti con noi sui social

Leggi le ultime su

Goditi i video su

Prevenzione a tavola è un marchio registrato - P.I. 04215320963